Smart Home, agli italiani piace la casa connessa e intelligente (e il mercato vale 250 milioni) | Economyup

INSURANCEUP

Smart Home, agli italiani piace la casa connessa e intelligente (e il mercato vale 250 milioni)



Il business della domotica, nel 2017, è cresciuto del 35% rispetto all’anno precedente. Segno che la tecnologia sta entrando sempre di più nella casa degli italiani. A portarla sono soprattutto i canali innovativi come il commercio elettronico e le assicurazioni. Ecco un focus sul settore

23 Feb 2018


Nel 2017 il mercato della casa connessa italiano è cresciuto del 35% rispetto al 2016. Il business legato alla “smart home” lo scorso anno valeva 250 milioni, mentre un anno prima si è attestato intorno ai 185 milioni. A rilevarlo è l’Osservatorio Internet Of Things della School of Management del Politecnico di Milano, i cui dati della ricerca mostrano come il mercato dei dispositivi connessi per la casa è in sensibile crescita.

I protagonisti di questa tendenza sono gli ambiti applicativi legati al settore della sicurezza, alla gestione dei consumi per elettricità e calore, a cui si aggiunge l’utilizzo degli elettrodomestici intelligenti. Più in concreto, i 250 milioni di fatturato derivanti dal settore smart home (2017), sono frutto di applicazioni Iot in ambito sicurezza: videocamere per la sorveglianza, serrature o sensori per porte e finestre in grado di rilevare tentativi di infrazione sono i dispositivi più utilizzati.

WEBINAR
La ricetta Blue Ocean dello chef stellato Davide Oldani per differenziarsi dai competitor
CIO
Digital Transformation

Un ruolo significativo lo giocano le soluzioni legate alla gestione del riscaldamento: caldaie e termostati intelligenti e connessi su tutti. Mentre un altro motore di sviluppo è rappresentato da soluzioni per la gestione di elettrodomestici, come le lavatrici connesse, controllabili via app e dotate in alcuni casi di assistente vocale.

Approfondisci i temi della ricerca su Insurance Up