Self driving car: che cosa dice il decreto che le autorizza anche in Italia | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

POLITICA E INNOVAZIONE

Self driving car: che cosa dice il decreto che le autorizza anche in Italia

20 Apr 2018

Il Ministero dei Trasporti ha autorizzato la sperimentazione su strada delle auto a guida autonoma e di nuovi servizi smart. Ecco il Decreto Smart Road, spiegato punto per punto dagli esperti

di Domenico Colella e Giulia Loi, avvocati dello Studio Orsingher Ortu – Avvocati Associati

Anche l’Italia è pronta alla sperimentazione delle self driving cars: il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio ha firmato infatti il decreto ministeriale in attuazione della Legge di Bilancio 2018, che autorizza la sperimentazione su strada dei veicoli driverless e di nuovi servizi smart (Decreto Smart Road).

LEGGI IL DECRETOSchema-di-decreto-sulle-Smart-Road1

Per accogliere i nuovi veicoli driverless, le infrastrutture della TEN-T (Trans-European Networks-Transport), dello SNIT di primo livello (Sistema Nazionale Integrato dei Trasporti) e le autostrade, dovranno prima diventare “Smart Roads”. L’allegato tecnico al Decreto Smart Road descrive le specifiche funzionali di cui le infrastrutture (esistenti e di nuova realizzazione) dovranno dotarsi entro il 2030. L’introduzione della connettività V2X –che permette lo scambio di informazioni tra veicoli e tra veicoli e infrastrutture, pedoni e device– darà vita ad un vero e proprio “ecosistema tecnologico”.  A rendere le strade “smart”, poi, l’introduzione di misure per la comunicazione dei dati ad elevato bit-rate, hotspot Wi-Fi dislocati in tutti i parcheggi e aree servizio, servizi di connessione per l’IoT e sistemi di rilevazione del traffico e del meteo in grado di fornire previsioni a breve termine. I costi di tali interventi saranno sostenuti dal concessionario dell’infrastruttura, del servizio o dall’ente gestore.

A poter sperimentare i veicoli driverless sulle strade pubbliche saranno i costruttori dei veicoli, gli istituti universitari e gli enti di ricerca autorizzati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT). La domanda per l’autorizzazione dovrà contenere l’indicazione del proprietario del veicolo ai fini della responsabilità civile, gli ambiti stradali oggetto della sperimentazione e la documentazione comprovante il nulla osta da parte dell’Ente proprietario della strada.

“Sicurezza” è la parola chiave del Decreto Smart Road: così al richiedente verrà chiesto di documentare “come” il veicolo sia in grado di gestire situazioni di guida tipiche e di interagire con tutti i possibili utenti della strada. Da descrivere, poi, i rischi associati all’uso del veicolo e le relative contromisure adottate, nonché le protezioni di sicurezza per impedire accessi non autorizzati ai sistemi interni. Necessaria, infine, la conclusione di un contratto di assicurazione per responsabilità civile specifico per i veicoli a guida automatica.

Self driving car, tutto sull’auto a guida autonoma: quando arriverà, come sarà, chi la produrrà

I veicoli autorizzati verranno iscritti in un apposito registro e muniti di contrassegno speciale e targa di prova. Durante la sperimentazione, dovrà necessariamente essere presente un supervisore dotato di appositi requisiti e certificazioni. Il supervisore dovrà essere in grado di modificare tempestivamente l’operatività del veicolo dalla modalità automatica a quella manuale.

Ma gli oneri non finiscono qui. Per tutta la durata dell’autorizzazione (un anno, rinnovabile a seguito di domanda), il titolare dovrà consegnare al MIT un rapporto dettagliato su eventi o problematiche che hanno coinvolto il sistema driverless. In caso di rischio alla sicurezza della circolazione, l’autorizzazione potrà essere sospesa o anche revocata dal MIT.

Articoli correlati