OPEN WORLD

Quando l’intrapreneurship funziona, anche in fabbrica: il caso Pelliconi

Alla prima edizione del programma di intrapreneurship di Pelliconi hanno partecipato 130 persone, di cui la metà provenienti dalla produzione. Ecco come è stato organizzato e quali sono i fattori di successo di un’attività dedicata allo sviluppo dell’imprenditorialità e dell’innovazione interni all’azienda

Pubblicato il 04 Lug 2023

intrapreneurship

Mercoledì scorso sono tornato ad Atessa (nel cuore del distretto industriale della Val di Sangro in Abruzzo) per la chiusura della prima edizione del programma di intrapreneurship di Pelliconi.

Ci ero stato a fine settembre in occasione del lancio del programma. Se allora avevo trovato prevalente curiosità, la settimana scorsa ho trovato entusiasmo e concretezza. Ma ricapitoliamo gli eventi.

Chi vince in un programma di intrapreneurship

Per la prima edizione del programma avevamo volutamente identificato delle challenge ampie (come aumentare la sostenibilità dei prodotti e processi? Come rendere la giornata lavorativa più efficace e motivante?) per cercare di favorire una ampia partecipazione.

Non pensavamo tuttavia che 130 persone (di cui la metà provenienti dalla produzione) decidessero di accogliere la sfida dell’intrapreneurship. Su una popolazione aziendale di 600 persone sono numeri decisamente importanti, il doppio di programmi simili gestiti da aziende di maggiori dimensioni.

Posto che non ci sono vincitori in un programma di intrapreneurship (i vincitori sono i dipendenti di Pelliconi che hanno accettato la sfida di mettersi in gioco e hanno fatto tutti un percorso di formazione sul campo sui temi dell’imprenditorialità e dell’innovazione, oggi più che mai centrali), i programmi sono costruiti per filtrare progressivamente le idee con maggiore potenziale.

A group of people posing for a photoDescription automatically generated
Alberto Onetti insieme a Marco Checchi (AD), Matteo Mingardi (CIO), Pierluigi Garuti (Managing Director) e i promotori dei due progetti selezionati per il Venture Studio di Mind the Bridge in Silicon Valley

Come costruire un programma di intrapreneurship

Il programma di Pelliconi è stato costruito su due principali “stage & gate”:

  • Il primo ha filtrato 18 progetti che sono passati in fase di “pre-solidificazione” dove hanno avuto accesso a training specifico.
  • Il secondo ha individuato i 6 progetti che hanno ricevuto mentoring personalizzato da parte degli Scaling Managers di Mind the Bridge e hanno presentato al pitching day finale ad Atessa.

I 2 progetti selezionati per entrare nel Venture Studio di Mind the Bridge a San Francisco sono quelli più disruptive (uno riguarda l’uso di polimeri magnetici nei tappi a corona, l’altro lo sviluppo di edible packaging). Gli altri quattro riguardano innovazioni più legate al core business (linea pilota di imbottigliamento per migliorare i processi di progettazione e omologazione di nuovi prodotti, valorizzazione degli scarti derivanti dal processo di produzione del tappo corona, recupero dei composti per un’industria a “KM Zero”, l’utilizzo di e-CMR per snellire i processi logistici in modo sostenibile).

A picture containing text, screenshot, font, line Description automatically generated

7 fattori di successo di un programma di imprenditorialità

Cosa ha funzionato in questo programma? Credo siano stati dati i giusti messaggi, accompagnati da fatti (incentivi) consistenti. Su questo fronte Pelliconi ha fatto un gran lavoro.

  • Ha mostrato pieno commitment fin dal primo momento (con la presenza dell’AD Marco Checchi e del Direttore Generale Pierluigi Garuti ad entrambi gli eventi di lancio così come al pitching finale).
  • Ha permesso a tutti i dipendenti di poter partecipare al programma, fermando gli impianti durante gli eventi di lancio (che non è poca cosa per chi produce oltre 70 milioni di tappi al giorno) e dando tempo (ore lavorative) per poter lavorare ai progetti dalla fase di Solidification in poi.
  • Ha fornito feedback individuali a tutte i progetti che non hanno passato le fasi successive.
  • Ha dato strumenti (training, mentoring, supporto specifico) ai progetti selezionati.
  • Ha nominato “Innovation Champions” i 25 promotori dei 6 progetti arrivati alla selezione finale, creando così un team di persone abilitate all’innovazione e aprendo per questi potenzialità di carriera e crescita professionale.
  • Ha deciso di portare due progetti per un periodo di incubazione (Venture Studio) a San Francisco. Sta valutando di implementare almeno due idee con l’impegno di riconoscere una quota del valore creato agli originatori.

Matteo Mingardi (Pelliconi): “Fare innovazione è come ordinare il caos, per la trasformazione digitale servono metodologie e strumenti”

Quindi un chiaro top level buy-in, non solo a parole ma accompagnato da investimenti significativi.

Gli outcome immediati sono senso di appartenenza e motivazione (“ci siamo sentiti ascoltati” hanno detto in tanti ad Alessandro Pornaro, il People and Organization Developer dell’azienda), relazioni (stimolando progetti fatti da più persone di unità diverse si sono create occasioni di “interazione tra colleghi” che di solito non avvengono) e formazione (“abbiamo avuto l’occasione di imparare tante cose”).

On top un serbatoio di idee interessanti con potenzialità di adozione ed innovazione. Il futuro è in mano a chi crede nelle proprie persone.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Alberto Onetti
Alberto Onetti

Chairman (di Mind the Bridge), Professore (di Entrepreneurship all’Università dell’Insubria) e imprenditore seriale (Funambol la mia ultima avventura). Geneticamente curioso e affascinato dalle cose complicate.

Articoli correlati

Articolo 1 di 2