"Montessori 3D", alle scuole materiale hi-tech gratis | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Innovazione & Formazione

“Montessori 3D”, alle scuole materiale hi-tech gratis

01 Feb 2016

Altri argomenti

L’incubatore di idee Boboto, insieme con il FabLab Lecce, lancia un test nazionale: una scuola per regione potrà provare stampa tridimensionale e taglio laser per riprodurre i materiali montessoriani, indispensabili nel processo educativo messo a punto dalla scienziata italiana

Se fosse vissuta oggi, probabilmente Maria Montessori avrebbe usato (anche) la stampa 3D. Questo si è portati a pensare guardando al progetto chiamato appunto “Montessori 3D” nato nell’ambito dell’incubatore di idee pugliese Boboto.

Insegnare ai bambini a esercitare le competenze necessarie al pieno sviluppo della loro personalità, si legge in un comunicato, è il principio cardine del metodo educativo Montessori, che prende il nome dalla scienziata e pedagogista italiana famosa in tutto il mondo. Utilizzato dagli asili nido fino alle scuole superiori, il metodo prevede la progettazione di un ambiente che favorisca l’apprendimento tramite l’utilizzo di alcuni materiali. È qui che entra in gioco il progetto Montessori 3D, che nasce con l’intento di riprodurre i materiali montessoriani attraverso la stampa 3D e il taglio laser, e che sta lanciando un testing nazionale: una scuola per regione avrà il diritto di provare gratuitamente il materiale.

Il progetto “Montessori 3D” nasce nell’ambito di Boboto, un incubatore di idee orientate al mondo dell’educazione, dell’uguaglianza e dell’innovazione sociale, di cui è responsabile Iliana Morelli, con la collaborazione di Luca Ciccarese e Cristiano Maci del Fablab Lecce. L’idea ha l’obiettivo di rendere il metodo Montessori accessibile e inclusivo e, tramite le tecnologie innovative, di eliminare costi inaccessibili.

In ogni regione verrà selezionata una scuola alla quale verranno inviati un materiale gratuito ed un catalogo provvisorio. Gli istituti diventeranno vere e proprie piattaforme per raccogliere feedback sull’utilizzo dei materiali per migliorarli e per creare un network su tutta la rete nazionale.

È stato stilato un calendario per le iscrizioni, che partiranno dal 15 febbraio 2016:

–       15 febbraio – 22 febbraio 2016: apertura iscrizioni per scuole del Sud e Isole d’Italia (Sicilia, Sardegna, Calabria, Puglia, Basilicata, Campania, Molise);

–       14 Marzo – 21 Marzo 2016: apertura iscrizioni per le scuole del Centro Italia (Toscana, Lazio, Abruzzo, Marche, Umbria);

–       11 Aprile – 18 Aprile 2016: apertura iscrizioni per le scuole del Nord Italia (Emilia Romagna, Liguria, Veneto, Lombardia, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte, Trentino-Alto Adige, Valle D’Aosta).

Per partecipare basterà inviare un’email da parte della scuola a: info@boboto.it

La scuola verrà selezionata in base all’arrivo della domanda di iscrizione (farà fede giorno e orario di arrivo dell’email, unica modalità per partecipare al testing). Non verranno prese in considerazione email arrivate precedentemente all’apertura delle iscrizioni. Sarà inoltre necessario firmare un accordo grazie al quale la scuola acconsente a fornire feedback e documentazione fotografica in fase di utilizzo nelle classi.

 Il progetto Montessori 3D è patrocinato dalla Fondazione Montessori Italia:www.fondazionemontessori.it (L.M.)

 

 

 

Altri argomenti

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati