Open innovation Auchan, Mauro Abeni, Resp. Innovazione Auchan: "Da un anno lavoriamo con le startup"
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'INTERVISTA

Mauro Abeni, Innovazione Auchan: “Ecco come lavoriamo e cosa facciamo con le startup”

di Luciana Maci

20 Lug 2018

Dai servizi di consegna veloce ai pagamenti digitali: Mauro Abeni, Responsabile Digitalizzazione e Innovazione di Auchan Italia, racconta i progetti sviluppati con le startup, che il board incontra ogni mese. Avviate già collaborazioni con Take My Thing (delivery), RetApps (mobile payment) e inVRsion (realtà virtuale).

Da circa un anno Auchan Italia lavora con le startup. L’ultima collaborazione in ordine di tempo è quella con Take My Thing, startup che utilizza cargo bike e scooter elettrici. Grazie alla partnership, Auchan ha inaugurato il 19 luglio a Bergamo il primo servizio di consegna o ritiro che rende disponibili i prodotti scelti online entro un’ora dal momento dell’ordine. Oltre a Take My Thing, il player della GDO sta lavorando, in una logica di open innovation, anche con altre giovani società innovative: RetApps per lo sviluppo della app di mobile payement AuchanSpeedy, e inVRsion per progetti di Realtà Virtuale. E ha collaborazioni in fase di realizzazione con Checkout Technologies e Paladin. “Stiamo lavorando principalmente con una strategia di tipo incrementale, aggiungendo servizi innovativi ai servizi già esistenti, in modo da aumentare e migliorare l’efficienza” dice a EconomyUp Mauro Abeni, Responsabile Digitalizzazione e Innovazione. “Collaboriamo con realtà esterne all’azienda – spiega – per aggiungere valore e competenze. L’obiettivo è la creazione di un ecosistema di innovazione”.

AUCHAN ITALIA, I NUMERI

Auchan Retail Italia è il gruppo della grande distribuzione italiana che opera in 19 regioni con circa 19.000 collaboratori e una rete multiformat di circa 1.500 punti vendita (di cui oltre 350 diretti), tra ipermercati Auchan, supermercati a insegna Auchan, Simply, IperSimply, negozi di prossimità ad insegna MyAuchan e PuntoSimply e oltre 60 drugstore Lillapois. Sugli scaffali di ipermercati e supermercati sono presenti oltre 5.000 prodotti a marchio, circa 17.000 prodotti locali e un terzo dei fornitori è composto da piccole e medie imprese. La valorizzazione del Made in Italy si concretizza anche con l’attività Export: 1350 prodotti alimentari di 150 PMI sono esportati in 29 Paesi, di cui 14 in cui è presente la propria insegna.

L’OPEN INNOVATION DI AUCHAN ITALIA: LA COLLABORAZIONE CON TAKEMYTHINGS

Auchan ha inaugurato a Bergamo il primo servizio di consegna o ritiro, in grado di rendere disponibili i prodotti scelti online in un’ora dal momento dell’ordine. Attivo nel raggio di circa 3 km dall’ipermercato, il servizio permette di accedere online a 5.000 prodotti – tramite il portale www.auchan.it – e richiedere la consegna veloce a domicilio oppure il ritiro della spesa già pronta nel punto vendita.

Per la consegna, Auchan si è affidata alla start up Take My Thing, che utilizza una logistica dell’ultimo miglio sostenibile, con cargo bike e scooter elettrici. Viene rispettata inoltre la catena del freddo, così da preservare tutte le caratteristiche dei prodotti alimentari. La consegna a domicilio parte da un minimo di ordine di 5 euro ed è calcolata per numero di prodotti (3,95 euro ogni 15 prodotti). In occasione del lancio dell’iniziativa, la consegna a domicilio è in promozione al 50%. Il servizio è attivo dal lunedì al sabato dalle 10.30 alla sera, con l’ultima consegna fino alle 21.30; la domenica dalle 11.30 con consegna fino alle 20.30.

L’OPEN INNOVATION DI AUCHAN: LE STARTUP

Ecco le startup con cui Auchan ha in corso collaborazioni:

RETAPPS PER IL MOBILE PAYMENT

RetAppsstartup italiana che fin dalla sua fondazione aiuta i retailers a sviluppare la propria strategia digitale multicanale. Lo fa sviluppando una piattaforma interamente basata sul cloud, in grado di integrare i differenti modelli di acquisto dei clienti: in-store (mobile self-scanning), e-commerce (online), ibrido (prenota e ritira). RetApps è stata utilizzata per lo sviluppo della app di mobile payement AuchanSpeedy. Si tratta di un servizio innovativo che permette di saltare del tutto il passaggio in cassa, grazie a un’applicazione su smartphone. Attivo da qualche mese in due punti vendita (Milano e Brescia), Auchan Speedy è una soluzione di acquisto a 360gradi: permette di selezionare i prodotti, effettuare il “self scanning” dei codici a barre tramite la fotocamera dello smartphone, scoprire sconti e promozioni, oltre a riempire il proprio “carrello virtuale”. Terminata la spesa, poi, è possibile effettuare l’acquisto dei prodotti utilizzando una delle carte di pagamento registrate nel proprio wallet digitale, senza passare dunque dalle casse.

Supermercati senza cassa, da Auchan la spesa diventa digitale grazie a una startup

inVRsion per progetti di Realtà Virtuale

inVRsion si occupa di produzione di propri software su tre differenti asset: progettazione, realizzazione e installazione di Virtual Room; erogazione di soluzioni software per simulazioni di Real-Time Room-Scale VR; Sviluppo contenuti 3D ottimizzati per la realtà virtuale immersiva e interattiva. La mission è creare Virtual Room in cui simulare contesti di business con finalità di showrooming e market research. I principali ambiti di applicazione di inVRsion sono i settori retail, automotive e real estate.

TAKE MY THING PER IL DELIVERY

E’ un servizio nato per mettere in contatto chi deve spedire con chi si sposta ogni giorno. La piattaforma collaborativa online gratuita ogni giorno mette in contatto chi ha la necessità di spedire qualcosa con la sua rete di Takers formata da fattorini, pony express, spedizionieri, poste private, tassisti, autisti e cittadini comuni che quotidianamente, per lavoro e non, si muove e si sposta in città rendendosi disponibile ad effettuare ritiri, trasporti e consegne tramite la community e con i propri mezzi. Più veloce e meno costosa dei tradizionali servizi di spedizioni, TakeMyThings è un’evoluzione della mobilità condivisa. Per utilizzare il servizio, basta registrarsi, indicare dove va ritirato il pacco, dove va consegnato e che cifra si offre per il trasporto. Se qualcuno degli utenti si trova a passare per il tragitto prende in carico la spedizione e soddisfa la richiesta. Take My Thing è anche partner per le attività commerciali. Come nel caso di Auchan, può offrire una soluzione per tutti quei negozi locali che vogliono dare ai clienti la comodità di ricevere a casa i prodotti venduti.

MAURO ABENI: “L’OPEN INNOVATION È FONDAMENTALE PER AUCHAN”

EconomyUp ha intervistato Mauro Abeni, Responsabile Digitalizzazione e Innovazione

Quanto è importante oggigiorno innovare attraverso le tecnologie digitali per un big player della GDO?

L’innovazione è alla base del cambiamento delle aziende. Innovare non vuol dire soltanto applicare tecnologie digitali all’interno dell’azienda, ma anche lavorare per cambiare l’approccio e i processi. Evolversi per guardare al futuro.

Quali strategie di innovazione state attuando?

Stiamo lavorando principalmente con una strategia di tipo incrementale, aggiungendo servizi innovativi ai servizi già esistenti, in modo da aumentare e migliorare l’efficienza. Collaboriamo, inoltre, con realtà esterne all’azienda per aggiungere valore e competenze. L’obiettivo è la creazione di un ecosistema di innovazione.

Avete una direzione Innovazione o un Chief Innovation Officer? Altrimenti come è “distribuita” e gestita l’innovazione in azienda?

In Auchan Retail Italia abbiamo una direzione Innovazione e Cliente cui fa parte il team di Innovazione e Digitalizzazione, che si occupa di tutti gli aspetti relativi all’introduzione dell’innovazione e dei progetti di digitalizzazione.

Avete un Innovation Hub?

In questo momento non abbiamo un IH strutturato. Il team di Innovazione e Digitalizzazione analizza il mercato e instaura contatti con realtà che sviluppano idee e soluzioni interessanti per la nostra azienda.

Credete all’Open Innovation, la modalità per cui le aziende cercano innovazione al di fuori del perimetro aziendale?

L’Open Innovation è uno degli assi fondamentali del team di Innovazione e Digitalizzazione. Auchan si sta spingendo verso l’esterno per portare innovazione, non solo qui in Italia ma anche in tutti gli altri paesi dove è presente.

Avete mai organizzato hackathon o call for ideas? Se sì quali?

Mensilmente organizziamo incontri tra le startup e il board di Auchan Retail Italia con l’obiettivo di condividere idee ed analizzare la possibile realizzazione di progetti. Lavoriamo con le startup da circa 12 mesi: con alcune di loro abbiamo già avviato delle collaborazioni, altre sono in fase di realizzazione.

Usate la digitalizzazione per migliorare l’esperienza del cliente? Se sì come?

Il cliente è al centro delle scelte strategiche di Auchan Retail Italia e Auchan Speedy è un esempio di come la digitalizzazione e l’innovazione possano migliorare l’esperienza dei nostri clienti. Pensiamo a soluzioni adeguate ai nostri negozi di ogni singolo formato (ultra-prossimità, supermercato, ipermercato) e ad ogni regione d’Italia. Attualmente sono in corso sperimentazioni anche di ulteriori soluzioni digitali in store; altre ancora saranno oggetto del lavoro dei prossimi mesi. Stiamo studiando nuovi progetti su due fronti: sia per l’innovazione dei processi interni sia per l’implementazione di nuovi servizi.

Luciana Maci

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati