Le tre regole di Riccardo Zacconi, che lascia The King e lancia in Italia una scuola di coding | Economyup

IL PERSONAGGIO

Le tre regole di Riccardo Zacconi, che lascia The King e lancia in Italia una scuola di coding



Assumi persone migliori di te. Tratta gli altri come vorresti essere trattato. Cerca sempre di sorprendere il tuo cliente. Sono le (apparenti) semplici regole che Riccardo Zacconi trae dalla sua esperienza nella società che ha creato il social game Candy Crush . Ora si dedicherà alla scuola di coding 42 Roma LUISS

di Giovanni Iozzia

31 Ago 2020


Riccardo Zacconi
Dopo 17 anni Riccardo Zacconi lascia “il Re”, cioè The King, la società del social game Candy Crush che nel 2015 ha venduto per 5,9 miliardi di dollari. L’imprenditore italiano lo annuncia in un post su Facebook poche settimane dopo aver lanciato in Italia 42 Roma Luiss, la superscuola di coding aperta in partnership con l’università romana in cui ha studiato prima di fare fortuna all’estero.
“La mia casa è a Londra ma l’Italia mi manca molto e se potessi tornerei domani, a Roma. Spero di poterci presto trascorrere più tempo”, aveva detto in un’intervista del 2018. Quel momento è arrivato e lui, a 52 anni, ha deciso di affrontarlo con l’approccio americano del giving back: restituire un po’ della sua esperienza ai nuovi imprenditori.

Riccardo Zacconi: l’importanza della cultura aziendale

“Alcune persone mi hanno chiesto com’è stato il viaggio per creare Candy Crush”, scrive ancora Zacconi. “Il mio apprendimento più importante? Le persone e le strategie cambiano e devono adattarsi nel tempo. La parte più stabile di un’azienda, che deve diventare più forte col tempo, è la sua cultura. Ci vuole una vita per costruirla (ma può essere rovinato molto velocemente se non stai attento)
“Credo che la cultura sia creata dall’alto. Se vuoi creare la giusta cultura nella tua azienda devi partire da te stesso ed essere coerente in qualsiasi cosa fai, ogni giorno”
Che cos’è la cultura di un’azienda? Risponde Zacconi: “La cultura è come si comportano le persone. Questo include quando vieni e esci dall’ufficio (il vero comportamento non il libro delle politiche! ), che tu sia giudicato dai risultati o da quanto tempo ti siedi in ufficio, cosa succede se fai un errore ecc. Quando qualcuno di nuovo si unirà all’azienda chiederà quali sono le ′′ regole quale comportamento è accettabile (e non accettabile), cosa aiuterà la sua carriera. E lei / lui la ammirerà / il suo superiore per capire come comportarsi. È come in una piramide, tutti guardano un livello”.

L’avventura imprenditoriale di Riccardo Zacconi in un video

Le tre regole di Riccardo Zacconi per gestire un’azienda

Nel lungo post su Facebook Zacconi sintetizza così le tre regole per lui fondamentali quando si crea e si gestisce un’impresa tecnologica

1. Assumi persone migliori di te

Non aver paura di assumere persone migliori di te. Non perderai il lavoro se lo fai, lo terrai perché la compagnia crescerà per questo. Ma potrai mantenere il popolo e scatenare il loro potenziale solo se gli dai fiducia e responsabilità e lasciarli fare. Questo non significa che tu non abbia altro da dire: questo significa che parli e concordi insieme la direzione; e una volta fatto, gli dai fiducia e sostegno.

2. Tratta gli altri come vorresti essere trattato

Questa regola riassume la maggior parte delle regole in qualsiasi manuale (razzismo, bullismo ecc). Questo non significa che non si possa licenziare nessuno: ho dovuto licenziare le persone quando i tempi erano cattivi, quando dovevamo uscire da imprese e geografie che non si adattavano più alla strategia o quando le persone non svolgevano come richiesto per il ruolo. Ma quando ho avuto queste difficili discussioni ho sempre provato a pensare a come avrei voluto essere trattato se fossi l’altra persona. Trasparenza, trattare le persone da adulti, non penalizzare ma sostenere le persone quando sbagliano a superare i confini… Tutti questi comportamenti seguono dalla regola di base: trattare gli altri come vorresti essere trattato. Ogni giorno.

3. Cerca sempre la migliore esperienza di prodotto per i tuoi clienti

Non fermare mai l’implacabile ricerca per fornire la migliore esperienza di prodotto ai tuoi clienti: sono loro che decidono ogni giorno se utilizzare i tuoi prodotti e pagarli. Se hai successo verrai copiato dai competitor (e a volte i tuoi concorrenti sono molto più grandi di te): ciò che è buono oggi potrebbe non essere abbastanza buono domani. In Candy Crush lo abbiamo fatto puntando a sorprendere i nostri giocatori ogni giorno con nuovi livelli, nuove missioni, rivedendo continuamente l’esperienza utente e ogni livello del gioco e testando in giochi più piccoli nuove funzionalità innovative che, se avessero funzionato, avremmo portato in Candy Crush. Prima di avere successo con Candy Crush abbiamo dovuto prendere decisioni molto difficili e reinventarci, ma tutto quello che abbiamo fatto è sempre stato con l’obiettivo di sorprendere i nostri giocatori con l’esperienza più divertente. La metrica chiave che abbiamo usato per misurare è la retention degli utenti, cioè quante persone tornano il giorno dopo, dopo 7 giorni, dopo 30 giorni ecc.
Giovanni Iozzia

Ho studiato sociologia ma da sempre faccio il giornalista e seguo la tecnologia . Sono stato direttore di Capital, vicedirettore di Chi e condirettore di PanoramaEconomy.