Lavorare con le startup: Cigierre punta su flessibilità e coinvolgimento di tutte le business unit | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STARTUP INTELLIGENCE

Lavorare con le startup: Cigierre punta su flessibilità e coinvolgimento di tutte le business unit



La compagnia di ristorazione che gestisce marchi come Old Wild West, Wiener Haus e Pizzikotto ha creato una unit dedicata all’innovazione, guidata da Marco Apollonio, e stretto partnership con Satispay, startup attiva nel Mobile Payment, e GetYourBill, altra società del fintech. Ecco come lavora con le realtà innovative

di Cristina Marengon

10 Mag 2019


Cigierre – Compagnia Generale Ristorazione SpA, fondata nel 1995 a Martignacco (UD), è leader in Italia nello sviluppo e nella gestione di ristoranti tematici; l’azienda gestisce sia direttamente che in franchising circa 350 ristoranti con i marchi Old Wild West, America Graffiti, Wiener Haus, Pizzikotto, Shi’s e Temakinho.

Tra i valori cardini, l’innovazione ricopre esplicitamente uno dei quattro pilastri principali; l’importanza che le viene attribuita si riflette coerentemente anche sulla struttura organizzativa, che prevede una Business Unit dedicata di Innovation, guidata da Marco Apollonio.

Durante il tavolo di confronto organizzato dall’Osservatorio Startup Intelligence e dedicato al tema collaborazione azienda-startup, Apollonio ha condiviso la ricca esperienza di Cigierre.

Tra le pratiche positive che Cigierre vanta con giovani realtà innovative, due sono le collaborazioni risultate particolarmente fruttuose: le partnership con Satispay GetYourBill.

Fattore critico di successo per entrambe le collaborazioni, in cui le startup sono state coinvolte per innovare un servizio o un processo della Corporate, è stata indubbiamente la flessibilità con cui il Gruppo ha approcciato ambedue le realtà. Cigierre infatti ha lavorato fianco a fianco con le startup per poter implementare le loro soluzioni all’interno del proprio business. È stato dunque necessario, per portare avanti la sperimentazione, finanziare i progetti pilota e garantire una certa elasticità a livello contrattuale che ha portato il gruppo a prendersi in carico l’iniziale supporto economico.

In particolare, dal 2016, Cigierre ha stretto una partnership con la milanese Satispay, startup operante nel settore del Mobile Payment, la cui soluzione è stata implementata con successo all’interno di tutti i ristoranti afferenti al Gruppo, testandola in primo luogo presso i punti vendita Old Wild West. Il successo di questa collaborazione non ha potuto prescindere dal coinvolgimento con i partner tradizionali tecnologici di Cigierre, Zucchetti in primis, che hanno permesso la costruzione di un’architettura più solida per rispondere al business.

Il software vendor è infatti stato coinvolto sin da subito nella co-progettazione con Satispay della soluzione per permetterne la comunicazione e la sua integrazione con i sistemi evoluti di cassa di Cigierre.

Questo ponte tra startup e azienda ha avuto un ruolo rilevante: le startup infatti sono da un lato altamente innovative, hanno un’intuizione geniale e sono caratterizzate da un proprio modo di lavorare “agile”, ma dall’altro faticano ad interfacciarsi con il mondo aziendale delle corporate, con i relativi processi e la burocrazia che le governa.

Altro aspetto che ha agevolato la partnership con la startup è sicuramente legato al presidio organizzativo del processo di collaborazione: la struttura organizzativa deve avere, secondo il Manager, l’obiettivo di supportare chi si occupa in azienda di innovazione, evitando che costui venga isolato e favorendo invece la partecipazione attiva anche da parte delle altre Line of Business, che devono necessariamente essere coinvolte nel progetto per garantire l’effettivo successo.

Cristina Marengon

Research Analyst presso Osservatori Digital Innovation