Il fondatore di Pandora: imparate a parlare | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Formazione

Il fondatore di Pandora: imparate a parlare

28 Ago 2013

Tim Westergren, inserito da Time fra i 100 personaggi più influenti al mondo, sostiene che per avere successo bisogna convincere qualcuno di qualcosa. Bisogna quindi apprendere l’arte dell’eloquenza. Prima lezione: presentate la vostra idea 500 volte…

Tim Westergren
Per avere successo bisogna imparare a parlare. A dirlo non è un trattato di Aristotele o di Cicerone, ma un contemporaneo che Time ha inserito nell’elenco dei 100 personaggi più influenti al mondo: Tim Westergren, fondatore di Pandora, la radio via Internet che trasmette solo la musica che l’ascoltatore preferisce. In un intervento su LinkedIn, Westergren spiega che “la pietra angolare sulla quale si fonda il successo aziendale, e la sola cosa che occupa più tempo rispetto a qualsiasi altra attività per un imprenditore, è convincere qualcuno di qualcosa. Quel qualcosa può essere comprare il tuo prodotto, investire nella tua azienda, iniziare a lavorare per te, continuare a lavorare per te, fare un accordo con te, comprarti, farsi comprare…”. E se con un impiegato il discorso si può fare faccia a faccia, di fronte a un gruppo di soci, ai partecipanti a una riunione aziendale, durante una conferenza, in una diretta TV, si ha a che fare con decine, centinaia, migliaia di persone. E quindi bisogna imparare l’arte dell’eloquenza.

“Con solo alcune eccezioni – prosegue il fondatore di Pandora – gli imprenditori di maggior successo che ho incontrato durante la mia vita avevano una cosa in comune: una grande capacità di comunicazione verbale. Avevano l’abilità di spingere la gente a credere”.

Eppure, per molti parlare in pubblico è fonte di ansia e di timore. Paure che possono essere superate con la pratica, che consente anche di sviluppare l’abilità retorica. “Ho visto gente trasformare le proprie capacità comunicatore attraverso una ferrea determinazione, un duro lavoro e molte, molte ripetizioni. Ma, benché si tratti di una capacità centrale, vi si presta poca attenzione durante il percorso formativo, a qualsiasi livello”.

Il consiglio di Westergren a “chiunque abbia un’idea da presentare” è quindi quello di “presentarla 500 volte a chiunque abbia voglia di ascoltare, foss’anche solo lo specchio” prima di sottoporla davvero a chi conta. Perché “non c’è miglior maestro della ripetizione. E man mano che inizierete a imparare a esporre ogni dettaglio della vostra idea, vi accorgerete che prenderete anche confidenza con la vostra capacità di parlare. Perdendo le fastidiose abitudini di mugugnare, di fare pause, di prendere tempo in attesa di trovare la parola giusta da dire. E a quel punto sarete pronti ad affrontare un discorso reale davanti a persone reali”.

Una “lezione” tanto seria, quello di Tim Westergren, che prevede anche i compiti a casa: sul social network, infatti, il fondatore di Pandora ha chiesto a tutti coloro che si vogliono cimentare con l’arte oratoria a inviargli un video di tre minuti con la presentazione di un’idea. E lui, dopo averlo visto, lascerà il suo feedback. Avvertendo, però, che se ritiene che il compito sia stato svolto male il suo giudizio sarà “diretto e breve”.

di Concetta Desando

  • ComputArte

    Certo che per dare una notizia del genere, con i crismi di renderla notevole, significa sposare la tesi che gli “innovatori” del settore internet sono i pionieri di nuovi valori… ma basterebbe leggere , anche senza accanimento, qualche autore classico.
    Il nichilismo conoscitivo, sta avallando un modello che appiattisce la storia, azzera i valori e cancella i sacrifici fatti dai VERI PIONIERI!

  • CONTEGIORGIO

    Io stò iniziando a produrre un made in italy brevettato veramente semplce e straordinario,ma il italia è difficilissimo trovare Partners perchè il mercato è molto chiuso sopra tutto con la grande distribuzione che vuole che tu faccia a loro Banca, mi stò rivolgendo all’estere dove le idee buone le apprezzano ed investono. Giorgio

Articoli correlati