FORUM PA 2017, innovazione significa (anche) sostenibilità | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La manifestazione

FORUM PA 2017, innovazione significa (anche) sostenibilità

10 Apr 2017

Non solo digitale: l’amministrazione deve garantire strumenti di partecipazione per contribuire allo sviluppo sostenibile. È il tema dell’evento che torna quest’anno dal 23 al 25 maggio a Roma. Interviene l’economista Jeffrey Sachs. Rinviata al 18 aprile la scadenza per candidarsi al contest “10×10=cento progetti per cambiare la PA”

Un’amministrazione pubblica che non sia soltanto efficiente, veloce e digitale, ma che usi velocità, tecnologie e strumenti di partecipazione e collaborazione per contribuire a costruire uno sviluppo sociale ed economico sostenibile: è il tema di FORUM PA 2017, che si svolgerà dal 23 al 25 maggio a Roma nel nuovissimo Roma Convention Center “La Nuvola” all’EUR progettato dallo Studio Fuksas e realizzato dalla società Condotte SpA.

Il nuovo appuntamento del grande evento annuale giunto alla 28esima edizione punta a dare risposte a questa domanda: quale amministrazione serve per permettere all’Italia di raggiungere entro il 2030 i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs) approvati a settembre 2015 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite?

Per questo la manifestazione sarà incentrata sulla PA sostenibile, o meglio sul ruolo che una PA davvero innovativa può svolgere per rispondere a grandi questioni ancora aperte: il lavoro che non c’è, la sicurezza che viene percepita come precaria, la tutela della salute che deve tornare ad essere un diritto, la qualità dell’ambiente, le disuguaglianze che crescono a dismisura in un’Italia a molte velocità. Perché una cosa è certa: nessuno dei 17 SDGs può essere realizzato senza il contributo delle amministrazioni. Non solo: è essenziale anche la collaborazione tra PA e società civile.

IL TEMA DELLA MANIFESTAZIONE

Il 22 marzo scorso c’è stata la presentazione da parte del Ministero dell’Ambiente della proposta di Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile 2017-2030. Ma quale amministrazione serve per accompagnare questo percorso verso uno sviluppo che sia sostenibile da tutti i punti di vista: economico, sociale, ambientale? 

“L’innovazione e il cambiamento sono possibili solo se si attivano realmente processi partecipativi – sottolinea Gianni Dominici, Direttore generale di FPA, azienda che organizza la manifestazione –  questo approccio deve diventare la prassi e non l’eccezione, superando definitivamente il modello tradizionale che vede da una parte la PA e dall’altra i cittadini e le imprese”.

Per questo FORUM PA sarà l’occasione per un confronto diretto tra tutti gli attori coinvolti in questo percorso verso una società più equa e sostenibile. Governo, amministrazioni, mondo economico e della ricerca, cittadinanza organizzata si incontreranno e dialogheranno nei tre giorni di convegni, tavoli di lavoro, focus di approfondimento.

Altro tema centrale sarà il rapporto tra innovazione tecnologica e sviluppo sostenibile. Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione costituiscono, infatti, il più potente strumento di cui governi, aziende e soggetti del terzo settore dispongono oggi per risolvere le grandi sfide mondiali delineate dall’Agenda 2030, come sottolinea lo studio “ICT & SDGs: how Information and Communications Technology can Accelerate Action on the Sustainable Development Goals”, curato da un team di ricerca coordinato dall’economista Jeffrey Sachs, che sarà ospite di FORUM PA il 24 maggio.

“Quello che vogliamo – conclude Carlo Mochi Sismondi, Presidente di FPA – è una PA che usi le tecnologie, come anche gli strumenti di partecipazione e collaborazione, per fare la sua parte nel costruire uno sviluppo sociale ed economico sostenibile. Le tecnologie, non ci stancheremo mai di ripeterlo, sono un mezzo, uno strumento abilitante, non sono mai fini a se stesse”.

A FORUM PA si parlerà sia di come usare al meglio tecnologie esistenti e già largamente diffuse a livello globale, sia degli sviluppi futuri dell’ICT, su tutti la banda larga mobile di nuova generazione e l’Internet of Things.

IL PROGRAMMA CONGRESSUALE

Varie le tipologie di evento che animeranno la tre giorni di FORUM PA 2017: grandi eventi di scenario, per guardare ai temi dello sviluppo sostenibile nell’ottica di un’agenda per i prossimi quindici anni; convegni tematici dedicati alle singole grandi politiche d’innovazione, dalla PA digitale alle politiche di sviluppo e coesione, dalle politiche attive del lavoro alla riforma dell’amministrazione, dalla governance delle città ai grandi programmi di politica industriale come “Industria 4.0”, solo per citarne alcuni; tavoli di lavoro riservati ai vertici delle amministrazioni e delle aziende; seminari e academy, occasioni di formazione gratuita su temi di grande attualità. Ecco alcuni degli appuntamenti in calendario.

MARTEDI’ 23 MAGGIO

Nella giornata inaugurale, in un’intervista a tutto campo il Ministro della PA e della semplificazione, Marianna Madia, presenterà il quadro completo della riforma.

Gli eventi di scenario saranno dedicati ai temi dell’innovazione tecnologica, del “lavoro del futuro” e della lotta alle disuguaglianze.

Tra gli altri appuntamenti in programma, focus su: sharing economy, scuola digitale, valutazione delle performance nella PA (interverrà Raffaele Cantone, Presidente ANAC – Autorità Nazionale Anticorruzione), nuovo Codice appalti e procurement pubblico.

MERCOLEDI’ 24 MAGGIO

Nella seconda giornata FORUM PA ospiterà la lectio magistralis di Jeffrey Sachs, uno degli economisti più attenti alle questioni climatiche e alla sostenibilità. Sachs è autore di libri oggi considerati miniera di riflessioni su come uscire dalla “trappola dello sviluppo”. Solo per citarne alcuni, ricordiamo: The End of Poverty (2005); Il bene comune. Economia per un pianeta affollato (ed. It. 2010); The Price of Civilization (2011); L’età dello sviluppo sostenibile (ed. It. 2015) e l’ultimo libro, Building the New American Economy: Smart, Fair & Sustainable (febbraio 2017).

L’altro evento di scenario sarà dedicato alla cooperazione internazionale per lo sviluppo sostenibile.

Tra gli altri appuntamenti in programma, focus su: investimenti, trasporti e infrastrutture (interverrà il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio), smart working, sanità digitale, città sostenibili e inclusive, Industria 4.0. Il 24 sarà presente anche il Ministro degli Affari regionali e della famiglia Enrico Costa.

GIOVEDI’ 25 MAGGIO

Nella giornata conclusiva in programma il “Tax innovation day”, in cui interverrà il Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan.

Gli eventi di scenario saranno dedicati alla Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile e ai Programmi europei per lo sviluppo urbano sostenibile.

Tra gli altri appuntamenti, focus su: politiche di coesione (interverrà Claudio De Vincenti, Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno), politiche europee per lo sviluppo sostenibile (confronto con Sandro Gozi, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, con delega agli Affari Europei), politiche per il turismo sostenibile, politiche per il lavoro, trasparenza delle PA.

Su www.forumpa2017.it il programma congressuale in continuo aggiornamento

IL CONTEST PER PROGETTI INNOVATIVI

Intanto FPA annuncia che, date le numerose richieste di partecipazione pervenute, è prorogata al 18 aprile la scadenza per inviare le proprie soluzioni in risposta al contest “10×10 = cento progetti per cambiare la PA“, lanciato per raccogliere progetti innovativi di eccellenza che possano dare risposte concrete a crescenti bisogni nell’ambito della PA digitale. L’iniziativa, promossa da FPA all’interno della manifestazione, punta a ricercare soluzioni, risposte, coraggio, cambiamenti. Questo è quello che FPA chiede alla sua community: superare stereotipi, pregiudizi e dubbi sull’impossibilità di sperimentare e proporre innovazioni in un Paese che risulta, sì, frammentato ma la cui chiave di volta potrebbe essere l’utilizzo di soluzioni digitali da parte della pubblica amministrazione.

Tre le novità del PREMIO:
– dieci ambiti tematici di riferimento per candidare la propria soluzione (descritti a questo link);
– una Giuria di esperti pronta a decretare il vincitore per ogni ambito;
– il voto del pubblico di FORUM PA 2017 (23 – 25 maggio).

Tanti progetti sono già arrivati, ci sono ancora alcuni giorni per candidarsi. Per partecipare è sufficiente scaricare il regolamento e compilare il form

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

  • fabrizio

    è un ottima e ricca di eventi manifestazione curata come al solito dalla sapiente regia del dr mochi sismondi

Articoli correlati