Elezioni 2018, Alberto Onetti: "A startup e scaleup servono 2 miliardi di investimenti pubblici" | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

#INNOVATIONFIRST

Elezioni 2018, Alberto Onetti: “A startup e scaleup servono 2 miliardi di investimenti pubblici”

di Luciana Maci

01 Feb 2018

Il presidente di Mind the Bridge e Startup Europe Partnership, iniziative nate per sostenere e incentivare le realtà innovative, chiede al prossimo governo più finanziamenti. “L’Italia investe dieci volte meno della Francia” dice. Motivo: siamo partiti in ritardo. Ma siamo ancora troppo lenti

“Cosa servirebbe all’Italia per migliorare l’ecosistema delle scaleup? Uno o due miliardi di capitali pubblici in co-investimento, possibilmente evitando dispersioni e localizzazioni”. È molto concreto Alberto Onetti, presidente della Mind the Bridge Foundation, fondazione californiana che promuove l’impenditorialità in Europa e nel mondo, e  Startup Europe Partnership (SEP), l’iniziativa che la Commissione Europea gli ha affidato per sostenere la creazione di startup di successo. Onetti non teme di fornire cifre precise, anche perché i numeri sono importanti e danno il quadro della situazione: “Il presidente francese Macron – dice – ha annunciato che il prossimo anno investirà 10 miliardi per l’innovazione e per le startup: al di là dell’annuncio politico, l’anno scorso la Francia ha investito 2 miliardi di euro in startup. Noi invece circa 100 milioni, ovvero venti volte meno dei cugini d’oltralpe. La Germania ha numeri simili alla Francia, la Gran Bretagna più che doppi. Persino la Spagna ne ha investiti più di noi: 600 milioni”. Ecco perché Onetti, in vista delle elezioni del  4 marzo, chiede al governo che verrà non annunci o buoni propositi, ma impegni concreti, come spiega a EconomyUp. Lo abbiamo intervistato nell’ambito dell’iniziativa di Digital360, #InnovationFirst, che punta ad individuare le priorità per la trasformazione digitale e la crescita del Paese nell’agenda del prossimo governo. “Il dato di fondo – afferma Alberto Onetti – è che l’Italia ha un ritardo madornale. Siamo partiti tardi rispetto agli altri Paesi e ci siamo dedicati con serietà al tema delle startup solo da qualche anno. Ma l’elemento grave è che, nonostante la partenza ritardata, andiamo a una velocità modesta”.

Alberto Onetti

I governi precedenti non hanno fatto proprio niente per l’ecosistema delle startup?

Il Ministero dello Sviluppo economico, con il team guidato da Stefano Firpo, ha migliorato la cornice, l’ha raffinata, ma la prova d’amore – mettere soldi – non l’ho ancora vista. Al di là di visitare un incubatore o dare una pacca sulla spalla a qualcuno, non è stato fatto molto di più. Così il quadro storico è rimasto quello. Considerando il ritardo accumulato, o si iniettano nel sistema capitali importanti, oppure non ha alcuna speranza. Servono capitali pubblici, come in Francia, nell’ordine di 1 o 2 miliardi, che poi faranno da volano per capitali privati. Qualunque cosa si dica e si faccia senza aprire seriamente il portafoglio non ha senso. Il resto è demagogia.

Eppure il ministero dello Sviluppo economico, che lei citava, ha attuato negli ultimi anni una specifica policy a favore delle startup.

Tutti gli interventi sono puntati sul Fondo di garanzia, che in sostanza garantisce credito agevolato alle startup: è un buon intervento, ma è anche pericoloso. Stai dando debito a aziende che, per loro natura, hanno bisogno di equity. Alla fine va a favorire le startup ma forse non fa loro bene. È vero, nel 2016 si sono registrati 86 milioni di agevolazioni per le startup. Non è male. Ma alla fine manca l’equity istituzionale.

Per startup e piccole e medie imprese innovative non ci sono già altri soggetti quali il Fondo Italiano di Investimento o Invitalia Ventures?

I finanziamenti non superano i 100 milioni di euro. Investono più in Portogallo, fra poco anche in Polonia. E il veicolo è irrilevante, se ne può fare uno nuovo, possibilmente evitando dispersioni e localizzazioni: deve essere tutto centralizzato. La verità è che l’Italia ha smesso di innovare. Da noi c’è un problema serio di capacità innovativa di un sistema Paese, perciò serve una ricetta drastica: investire tanto, per poi produrre risultati che comunque non arriveranno prima di 5 anni. Abbiamo fatto passare 10/15 anni senza fare niente. Ad oggi gli esempi più interessanti sono le dual companies, società che hanno trovato finanziamenti all’estero e hanno mantenuto qualcosa in Italia. Qualche nome: MoneyFarm, Cloud4Wi…Oggi gli imprenditori non partono da qui, ma vanno direttamente all’estero. Non è solo fuga di cervelli, ma anche di imprenditori.

Sicuro che i finanziamenti pubblici siano la soluzione?

Quando c’è un ritardo il pubblico deve intervenire. E non è una decisione banale: è la scelta tra il futuro o il mantenimento di un sistema in declino.

 

  • 113 Share
Luciana Maci

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati