Docebo, l’e-learning made in Italy si quota alla Borsa canadese | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'OPERAZIONE

Docebo, l’e-learning made in Italy si quota alla Borsa canadese



Docebo, la società fondata da Claudio Erba nel 2005 che vende alle aziende piattaforme per la formazione a distanza, ha richiesto l’autorizzazione del suo prospetto preliminare per un’Ipo. I termini dell’offerta non sono ancora stati chiariti

26 Ago 2019


Docebo, piattaforma di e-learning fondata nel 2005 come startup da Claudio Erba, continua a crescere. Ora si prepara a sbarcare alla Borsa canadese. L’azienda ha infatti annunciato di aver richiesto l’autorizzazione del suo prospetto preliminare per un’Ipo, i cui sottoscrittori e principali bookrunner saranno congiuntamente Canaccord Genuity Corp. e TD Securities Inc., mentre i consiglieri legali per l’operazione sono Goodmans LLP and Stikeman Elliott LLP.

Docebo si quota in Borsa in Canada, i dettagli dell’operazione

Per il momento l’azienda non ha ancora chiarito i termini dell’offerta, in attesa che al prospetto preliminare venga dato definitivamente il via libera da parte delle autorità canadesi; una volta sbarcata alla Toronto Stock Exchange, Docebo avrà come simbolo DCBO.

Docebo, l’e-learnig made in Italy

“Tra qualche anno le piattaforme di e-learning saranno considerate dotazione standard per qualsiasi azienda. Oltre al solito accesso a Internet, ogni impresa richiederà di default una piattaforma di questo tipo. Invece oggi questa tecnologia è pienamente affermata solo negli Usa, mentre l’Italia si divide tra le multinazionali che la utilizzano in maniera eccellente e le piccole e medie imprese che, sostanzialmente, se ne dotano quando obbligate da enti regolatori”. Correva l’anno 2013 e così Claudio Erba, fondatore e Ceo di Docebo, raccontava a EconomyUp il suo progetto.

Partita nel 2005 e ormai ex startup, Docebo è diventata oggi un’impresa di successo scommettendo tutto sulla tecnologia coniugata con la formazione aziendale a distanza.

Nel 2011 ha fatturato 1,5 milioni di dollari, salendo ulteriormente del 33% nel 2012. Anno in cui ha incassato un finanziamento di 3 milioni di dollari dal fondo di investimento Principia: denaro utilizzato, come spiega Erba, per investire su nuove risorse, modificare il prodotto e puntare sempre più all’internazionalizzazione.

Nel 2015 Docebo era uscita dal fondo italiano Principia Sgr, che aveva ceduto in toto la propria quota di partecipazione del 28,74% ai canadesi di Klass Financial, e nel 2016 è stata riorganizzata come società di diritto dell’Ontario con filiali in Italia e negli Stati Uniti.