Crowdfunding, come una web serie ha raccolto 3,1 milioni di dollari on line (in 24 ore) | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La storia

Crowdfunding, come una web serie ha raccolto 3,1 milioni di dollari on line (in 24 ore)

04 Lug 2016

“Con Man”, comedy Usa su un attore costretto a girare per convention, si è finanziata interamente su Indiegogo. L’autore e protagonista Alan Tudyk voleva evitare le “complicazioni” delle grandi produzioni. Il pubblico ha apprezzato. E il film è diventato una case history

Le major televisive hanno un concorrente da non sottovalutare: il crowdfunding. Una web serie americana, “Con Man”, è stata finanziata interamente attraverso la raccolta fondi online sulla piattaforma Indiegogo con oltre un milione di dollari ottenuti in sole 24 ore, per poi raggiungere complessivamente una raccolta di più di 3,1 milioni. Non c’è stato bisogno di alcun intervento finanziario da parte di produttori, la serie è stata prodotta direttamente con i soldi del pubblico. Una pietra miliare nella storia del crowdfunding dedicato alle opere televisive. 

Non sono pochi i film-maker che tentano la strada della raccolta fondi online, in Italia e all’estero: girano un teaser o un trailer, lo pubblicano su qualche sito di crowdfunding e attendono che la “folla” veda le loro immagini e decida se premiare o meno talento e creatività con un contributo in denaro in cambio di una piccola ricompensa (magari posti gratuiti per la “prima”). Sono altrettanti numerosi gli artisti di ogni genere che sperano nel finanziamento delle folle: musicisti, cantanti, autori. Ma sono in pochi a farcela. “Con Man” ce l’ha fatta. E alla grande. 

Arte e raccolta fondi, ora anche i buskers trovano soldi online

Forse perché, come scrive l’autore Amleto De Silva, Con Man “è una serie che non sfigura affatto nel panorama tv di questi tempi, ed è prodotta fuori da ogni controllo, senza marketing o focus group (almeno non a livello alto)”.

Creata, scritta e diretta da Alan Tudyk, narra le vicende di Wray Nerely (lo stesso Alan Tudyk) che un tempo è stato co-proagonista di “Spectrum”, serie tv di fantascienza poi cancellata ma molto rimpianta dai fan e quindi diventata un cult. Un buon amico di Wray, Jack Moore (Nathan Fillion), che figurava nella serie, è diventato una star del cinema. Invece Wray è costretto a girare per convention per vendersi come personaggio della vecchia serie. Da qui il titolo “Con Man – Because Convention Man doesn’t sound as cool”.

Come è nata l’idea di ottenere finanziamenti attraverso il crowdfunding? Va detto che i protagonisti Nathan Fillion e Alan Tudyk erano noti al grande pubblico statunitense perché protagonisti di Firefly, famosissima serie tv di fantascienza (da qui si capisce che la web serie è in buona parte autobiografica). Probabilmente anche per questo, quando hanno deciso il 10 marzo 2015 di lanciare la campagna di finanziamento su Indiegogo, sono riusciti praticamente a triplicare quello che era il loro obiettivo iniziale, 425mila dollari. A mezzogiorno del primo giorno di raccolta, era già stato superato un milione di dollari. Il 10 aprile la campagna si è chiusa con un bottino di 3.124.214 dollari. Per qualche mese “Con Man” è rimasta la web serie più finanziata al mondo su tutte le piattaforme di crowdfunding, superando anche Da Sweet Blood of Jesus di Spike Lee, che aveva raccolto 1.418.910 dollari.

In ogni caso la scelta di ricorrere al crowdfunding, per il duo, è stata più di ordine personale e organizzativo che non economico. Nella pagina dedicata alle donazioni hanno spiegato i motivi per i quali stavano chiedendo soldi in Rete invece di cercare produttori televisivi. “In uno spettacolo televisivo – hanno scritto – la rete o la direzione può aggiungere tanto al business di ‘Con Man’, ma a spese dello spettacolo. Si possono verificare complicazioni come il fatto che la rete decida quali ospiti dobbiamo avere, se dobbiamo cambiare tono, se la produzione deve essere congelata o ritardata”. Per questo hanno scelto Indiegogo e hanno applicato la paga minima agli artisti presenti nella serie. Per convincere gli utenti a finanziarli hanno anche assicurato che sarebbero state presenti negli episodi alcuni popolari attori americani: Sean Maher, Gina Torres,James Gunn, Seth Green, Felicia Day e Amy Acker.

Ha funzionato: la prima puntata è stata trasmessa il 30 settembre 2015 su Vimeo. In Italia non è ancora arrivata e naturalmente non si sa se arriverà. Intanto, ad oggi, è la terza campagna di successo nel mondo per film finanziati dal crowdfunding.

Articoli correlati