Crowdfunding, aggregazione di persone, idee e…soldi | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Opportunità

Crowdfunding, aggregazione di persone, idee e…soldi

25 Feb 2015

Le piattaforma per la raccolta di fondi on line stanno crescendo anche in Italia. Perché sfruttano la vitalità del web e dei social media e la facilità con cui è possibile dare visibilità a progetti che difficilmente troverebbero il necessario sostegno finanziario

Non solo luoghi di aggregazione di persone, ma anche di idee. Social network, blog e siti web sono usati sempre più anche per diffondere iniziative di raccolta fondi per sostenere idee imprenditoriali, restaurare opere, finanziare progetti pubblici, attività culturali o servizi innovativi.
Parliamo del crowdfunding, per definizione un finanziamento collettivo e una raccolta fondi digitale che sfrutta la viralità del web e dei social media per dar vita a idee, progetti, start-up o attività no profit.
Dal 2005 a oggi, data di nascita della prima piattaforma di crowdfounding in Italia, sono più di 40 le realtà attive e regolarmente iscritte al registro degli operatori della CONSOB (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa) e il valore complessivo dei progetti finanziati è pari a oltre 30 milioni di euro. In particolare, la campagna di crowdfunding che ha raccolto più adesioni nel nostro Paese è stata quella per la ricostruzione della Città della Scienza di Napoli, distrutta da un incendio doloso a marzo 2013 e che ha raccolto più di un milione di euro.

Esistono quattro differenti modelli di crowdfunding:
1.“reward-based”. A fronte del finanziamento di un progetto, gli investitori ricevono in cambio un premio (es. copia del prodotto da realizzare, invit evento, menzione nella lista dei donatori);
2. donazioni fatte a fondo perduto;
3. “lendingbased”. Le somme (micro-prestiti) erogati da parte di privati vengono restituite con il pagamento di interessi;
4. “equity-based”. Investendo del capitale di rischio per la realizzazione di un progetto si diventa possessori di una quota partecipativa della società finanziata.

Per quanto riguarda i settori dei progetti finanziati in Italia, al primo posto vi è l’imprenditoria (63%), seguita dalla creatività (23%) e dal sociale (14%).

Di seguito un breve elenco con alcune piattaforme di crowdfounding presenti in Italia, una lista tutt’altro che esaustiva ma comunque rappresentativa della varietà di scelta per chi intende proporre un progetto o offrire il proprio contributo economico per finanziare idee altrui:

· Produzioni dal basso, nata nel 2005, è la prima piattaforma italiana di crowdfounding e una delle prime in Europa; il suo scopo è “finanziare qualsiasi forma di autoproduzione,  senza filtri e senza nessuna intermediazione”.

· Eppela è una piattaforma fondata nel 2011 che finanzia progetti in molteplici settori (arte, tecnologia, cinema, design, musica, fumetto, innovazione sociale, scrittura, moda, no profit).

· HelloSaving è uno strumento della banca virtuale Hello Bank! finalizzato a ottenere il finanziamento per un progetto personale tramite il ricorso agli amici e al web in generale. Quanto più crescono i risparmi e quanto più velocemente ciò avviene, tanto più Hello bank! riconosce interessi speciali sulle somme accumulate.

· ShinyNote nasce ufficialmente nel 2011 con l’obiettivo di mettere in comunicazione organizzazioni no profit e cittadini-utenti narrando storie di persone comuni e finanziare progetti di solidarietà.

·  Crowdfunding-Italia, nata a Londra nel 2012, è una piattaforma per la raccolta di fondi da destinare a progetti concreti, creativi o a scopo umanitario.

· Smartika è una piattaforma di social lending che permette di comporre e ricevere prestiti online indicando importo, durata del prestito, tasso desiderato e tipologia dei richiedenti a cui prestare.

Sfruttando la rete per promuovere iniziative a un pubblico più ampio – e considerata anche la facilità con cui oggi è possibile dare visibilità online ai propri progetti – il crowdfunding è insomma un’operazione alla portata di tutti e uno strumento in grado di favorire la crescita del Paese.

di Sebastiano Contriti

Articoli correlati