Beyond Meat, come è cresciuta la ex startup della "carne vegana" sostenuta (anche) da Bill Gates - Economyup

SOSTENIBILITÀ

Beyond Meat, come è cresciuta la ex startup della “carne vegana” sostenuta (anche) da Bill Gates



Fondata nel 2009 a Los Angeles da Ethan Brown, Beyond Meat è diventata uno dei marchi di riferimento per vegetariani e vegani. Il suo hamburger vegetale ha ridotto notevolmente l’impatto sull’ambiente. È supportata da personaggi quali Bill Gates e Leo Di Caprio. E ora, dopo lo stop della pandemia, è tornata alla ribalta

di Stefania Barbato

22 Set 2021


Beyond Meat

Nel settore della carne-non carne di origine vegetale, Beyond Meat è sicuramente uno dei principali marchi di riferimento. Una valida alternativa per vegetariani e vegani, ma non solo: la connessione con la sostenibilità induce anche altre tipologie di consumatori ad optare sempre più per quest’alimentazione cruelty-free.

Cos’è Beyond Meat?

Fondata nel 2009 a Los Angeles, Beyond Meat ha iniziato ad avere successo nel 2016, in seguito al lancio del primo hamburger che riprende il sapore della carne, tanto da essere dichiarato alimento top del settore.

WHITEPAPER
Quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
CIO
Open Innovation

Nata dalla crescente domanda di alimenti che potessero sostituire e soddisfare i consumatori vegani e vegetariani (numerica sempre più in aumento) l’allora startup ha investito sin da subito sull’idea di un nuovo tipo di alimentazione. La missione è quella di andare “oltre la carne”, il cui consumo contribuisce all’inquinamento del nostro Pianeta, in connessione all’emissione di CO2 per la produzione di derivati bovini e non solo.

Partita da un hamburger veg come test, oggi l’azienda dispone di una linea completa di prodotti capaci di sostituire i classici pasti a base di carne offrendo un’ampia gamma di varianti.

Storia del fondatore della startup Ethan Brown

Alla guida dell’azienda c’è Ethan Brown, 49 anni, vegano e ambientalista convinto che ha dichiarato sin dall’inizio dell’avventura imprenditoriale il suo obiettivo di dare una risposta concreta alle sfide climatiche di oggi.

Dopo un’esperienza in ambito governativo e una carriera come executive di energia pulita presso la Ballard Power Systems, Brown ha fondato Beyond Burger nel 2009. In una visita in un laboratorio dell’Università del Missouri, ha scoperto una tecnologia per la creazione di tessuti animali utilizzando vegetali, che ha deciso di acquistare per la sua startup.

L’innovazione al centro della rivoluzione green quindi. Anche oggi portare il prodotto dai laboratori di produzione al mercato è la sfida più difficile del processo di diffusione, ha spiegato Brown in una sua recente intervista al Time. Oltre alla necessità di scardinare le convinzioni legate alla carne, come ad esempio quelle sui principi nutrizionali o a tema di festività religiose.

In prima linea tra innovazione e sostenibilità, Ethan Brown ha vinto diversi premi tra cui il riconoscimento di Bloomberg Media per le 50 personalità più influenti del 2019.

Quali sono gli ingredienti della carne vegana Beyond Meat?

La carne marchiata Beyond Meat è composta da un hamburger vegetale a cui viene aggiunta una frazione proteica estratta dal pisello giallo, in un processo che ha ridotto notevolmente l’impatto sull’ambiente.

La “carne-non-carne” nasce da un’analisi accurata delle proprietà dei vegetali, per comprendere il mix giusto per amminoacidi, lipidi, minerali, vitamine e acqua. Il tutto con l’obiettivo di creare l’alimento proteico del futuro dal sapore e consistenza di carne, attraverso un processo proprietario di cottura, raffreddamento e pressione, per ottenere il prodotto finale.

Il Beyond Burger, primo prodotto della linea, ha acquisito sempre più successo, permettendo la nascita di altri alimenti come Beyond Beef e Beyond Sausage. Tutta la linea è inoltre priva di ingredienti geneticamente modificati, di soia e di glutine.

Com’è diventata popolare Beyond Meat?

Ad accrescere la popolarità del progetto hanno contribuito principalmente due fattori. Da un lato, l’aumento di sensibilità per le tematiche climatiche e ambientali ma anche la preferenza di molte più persone per un’alimentazione alternativa a quella standard.

Una delle lamentele più diffuse tra vegetariani e vegani è il gusto poco gradevole dei prodotti a base vegetale, lontani dal sapore del classico hamburger. Beyond Meat ha puntato molto su questo e con un burger veg al sapore di carne è riuscito ad avvicinare al suo prodotto anche i consumatori carnivori che vogliono variare la propria dieta.

Dal punto di vista del business, grazie a partnership strategiche, la scalabilità è stata abbastanza veloce. Dapprima nei fast food per arrivare poi nei supermercati, la portata del fenomeno è globale: da Canada a Cina passando per UK. Tra i partner di spicco anche KFC, TGI Fridays e McDonalds.

In Italia è possibile assaporare un Beyond Burger da Welldone, catena di hamburger nata a Bologna e tra i primi a distribuirlo in Europa. Da maggio, i prodotti sono disponibili anche tra gli scaffali dell’Esselunga.

 Perché il mercato Plant Based meat è cresciuto esponenzialmente?

 La necessità di variare dieta, mangiare cibi sani e non inquinare sono tra i fattori più diffusi alla base della crescita del mercato plant based meat, che secondo il Rapporto Osservatorio VeganoOk del 2018 crescerà nel 2022 fino a valere 11,90 miliardi di euro. Un aumento che di anno in anno conquisterà sempre più quote rilevanti di un mercato multimiliardario globale come quello della carne, stimato 1,4 trilioni di dollari.

Altro fattore di crescita è dato dalle tecnologie sempre più sofisticate che stanno portando i prodotti plant based ad un livello sempre più alto. Dal Giappone è arrivata la notizia della creazione del primo tipo di carne sintetica, ottenuto in laboratorio partendo da cellule animali ma senza ricorrere alla macellazione. Si tratta di un filetto di manzo di tipo Wagyu (pregiata varietà giapponese) ottenuto con stampa 3D e che apre le porte alla possibilità di personalizzazione. Senza trascurare però i limiti legislativi e di scalabilità della produzione. Ci vorrà un po’ di tempo all’arrivo in tavola ma il futuro degli animali sembra essere più roseo.

 Chi sostiene Beyond Meat? Da Bill Gates a Leonardo Di Caprio

 Il successo del settore si basa anche sulla visibilità data dal mainstream: sempre più star infatti sono interessate a promuovere uno stile di vita cruelty-free.

Beyond Meat in particolare annovera tra i suoi principali investitori e sostenitori Bill Gates e Leonardo di Caprio, due nomi importanti in prima linea nella sensibilizzazione sulle tematiche ambientali. Nel board dei soci originari figurano anche Evan Williams e Biz Stone, già founder di Twitter e anche loro vegani convinti.

Senza dimenticare di citare Don Thompson, ex CEO di McDonalds, una delle società che ha appena concluso con l’azienda del Beyond Burger una partnership pluriennale.

Leonardo DiCaprio ha anche investito in Mosa Meat e Aleph Farms, società nate per promuovere lo sviluppo della carne bovina coltivata sostenibile. Entrambe le aziende hanno dimostrato la capacità di produrre la carne di manzo direttamente dalle cellule animali, con la presentazione del primo hamburger coltivato da Mosa Meat nel 2013 e la prima bistecca e ribeye coltivata da Aleph Farms rispettivamente nel 2018 e nel 2021.

L’accordo tra Beyond Meat e Mc Donald’s

Dopo l’esperimento con un panino plant based che il colosso del fast food ha iniziato ad offrire al pubblico canadese nel 2019, dal 2021 è possibile scegliere i prodotti di Beyond Meat ovunque. Si tratta di una rivoluzione alimentare che permette di normalizzare le opzioni vegetali, rendendole più facilmente accessibili al grande pubblico e non più riservate ad una nicchia esclusiva.

Bisogna inoltre considerare che la presenza di cibi vegani in una catena frequentata da un target per lo più carnivoro, sensibilizza i consumatori e li pone davanti alla possibilità di scegliere la sostenibilità e imparare ad apprezzare le alternative. Un altro punto che permette di individuare nella carne vegetale un alimento che diventerà sempre più a consumo di massa.

Beyond Meat è sostenibile?

Da sempre al centro dell’attezione del founder Ethan Brown, la sostenibilità è una prerogativa fondamentale di Beyond Meat, nonché oggetto di analisi e monitoraggio costante. In particolare, secondo il Center for Sustainable Systems dell’Università del Michigan un “Beyond Burger” genera il 90% in meno di emissioni di gas serra, richiedendo il 46% di energia in meno, con un impatto del 99% inferiore sulle risorse idriche e usando il 93% in meno di terreno rispetto al tradizionale macinato.

Un impatto importante che su grande scala, attraverso la grande distribuzione, permetterà di generare un miglioramento climatico sempre più importante, riducendo anche gli allevamenti tradizionali e le relative emissioni di CO2.

Azioni Beyond Meat, conviene comprarle oggi?

Il tema caldo e la popolarità raggiunta da Beyond Meat hanno permesso alla società di essere la prima azienda di prodotti alternativi alla carne a sbarcare in borsa. Nel maggio 2019 il lancio a Wall Street ha registrato un debutto trionfale, venendo definita come l’lPO di maggior successo degli anni 2000.

Un inizio strabiliante a cui ha fatto seguito un tracollo importante durante la pandemia, a causa dei rallentamenti nell’attività di produzione. Con la ripresa anche il titolo sta riconquistando fiducia ed essendo uno dei settori più caldi del momento potrebbe convenire considerare l’opportunità di un futuro rialzo in un mercato che si sta affollando sempre più.

(Articolo aggiornato al 22/09/2021)

WHITEPAPER
Crowdfunding: cos'è, come funziona e le migliori piattaforme
Stefania Barbato

Appassionata di musica, libri e tech, contribuisce a sviluppare l’ecosistema startup italiano con progetti innovativi, creatività e go-to-market