Digital fabrication – definizione | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Digital fabrication – definizione

02 Mag 2016

La digital fabrication probabilmente è l‘innovazione che più visibilmente potrebbe cambiare il mondo del lavoro e della manifattura nel futuro prossimo. La manifattura digitale consiste nella possibilità di creare oggetti solidi e tridimensionali partendo da disegni digitali, il che significa, in buona sostanza, ma non solo, stampa 3D, a cui però si affiancano altri metodi […]

La digital fabrication probabilmente è l‘innovazione che più visibilmente potrebbe cambiare il mondo del lavoro e della manifattura nel futuro prossimo.

La manifattura digitale consiste nella possibilità di creare oggetti solidi e tridimensionali partendo da disegni digitali, il che significa, in buona sostanza, ma non solo, stampa 3D, a cui però si affiancano altri metodi come il taglio laser e la fresatura a controllo numerico a seconda che si usino tecniche “additive” o “sottrattive”.

Imponente, anche se ancora non del tutto compreso e comprensibile, l’impatto economico della nuova tecnologia. I modelli economici che si stanno sviluppando attorno alla digital fabrication sono chiamati “regenerative economic model” e prevedono di generare maggiore valore riducendo la dipendenza dalle risorse economiche, creando, come indiretta conseguenza, anche nuovi mercati e, soprattutto avviando un sistema di “economia circolare” in cui l’obiettivo è solo vendere la merce.

Difficile fare stime sul settore, anche se se ne prevede la forte crescita: secondo Gartner (società leader mondiale nella consulenza strategica nel campo dell’Information Technology) nel 2017 i prodotti stampati in 3D spediti nel mondo saranno 1 milione a cui corrisponderà un guadagno di 6,3 miliardi di dollari e analizzando la relazione tra il numero di prodotti stampati in 3D e spediti in tutto il mondo ed i guadagni da essi derivanti per il periodo 2012- 2018 si evidenzia una crescita pari all 87,7%.

Difficile anche prevedere l’impatto della tecnologia sul mondo del lavoro ( la teorizzata ‘fine del lavoro”) e anche sui processi distributivi, di gestione, del magazzino e delle attività logistiche.

 

Articoli correlati