LastMinuteSottoCasa.it: "Così vi aiutiamo a non sprecare il cibo a Natale" | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Innovazione

LastMinuteSottoCasa.it: “Così vi aiutiamo a non sprecare il cibo a Natale”

17 Dic 2014

Altri argomenti

Durante le feste 440mila tonnellate di alimenti finiranno nella spazzatura. Per evitarlo, è nato un portale che consente ai negozi di offrire a prezzi scontati i prodotti in eccedenza e in scadenza, informando via smartphone i consumatori che sono nelle vicinanze. Un’innovativa formula di live-marketing che ha già 15mila utenti registrati

Quando eravamo piccoli, papà e mamma ce lo ripetevano di continuo: non giocare con il cibo, il cibo non si spreca, pensa ai bambini africani che muoiono di fame… Adesso che siamo grandi, e che fra Natale e Capodanno buttiamo nella spazzatura (solo in Italia) 440mila tonnellate di cibo rimasto a far la muffa sugli scaffali dei supermercati, a ricordare l’avvertimento dei genitori degli anni Sessanta e Settanta è LastMinuteSottoCasa.it. Il portale, legato ai piccoli esercizi commerciali (che nel nostro Paese sono circa 340mila) propone un’innovativa formula di live-marketing di prossimità che consente ai negozi con alimentari in eccedenza e in scadenza di offrire questi prodotti a prezzi scontati, informando via smartphone dell’offerta i consumatori che si trovano nelle vicinanze del negozio. Per farlo, in fase di registrazione i clienti possono indicare a che distanza da casa (o dall’ufficio) vogliono ricevere le proposte e da quali tipologie di negozio, ricevendo così solo le offerte sotto casa per le categorie di prodotto di loro interesse.

(Expo2015, 10 startup che prendono per la gola)

Un’idea, quella di mettere in contatto i commercianti che a fine giornata si ritrovano con prodotti invenduti e i clienti alla ricerca dell’offerta last minute sono stati Francesco Ardito e Massimo Ivul, che hanno creato il portale all’interno dell’incubatore di imprese del Politecnico di Torino.

Il progetto, spiega Ardito, “è nato con l’idea che si potesse recuperare il pane invenduto a fine giornata in un quartiere di Torino; poi si sono aggiunti altri quartieri della città e altre tipologie di attività commerciali come pescherie, gastronomie e banchi del mercato, tutti con il problema comune del prodotto fresco che a fine giornata, se non venduto, deve essere buttato. Oggi a otto mesi dal lancio ufficiale del progetto, abbiamo oltre 15mila utenti registrati e stiamo arrivando nelle principali città italiane: l’obiettivo è quello di creare un network che cresca in tutto il territorio nazionale”.

(Foodscovery, la startup del cibo italiano gourmet che piace ai tedeschi)

Grazie al sistema ideato da Ardito e Ivul, le offerte vengono inviate solo ai telefonini dei clienti che hanno indicato come di loro interesse la zona geografica nella quale c’è lo specifico negozio che si trova con rimanenze, e così è più probabile che i clienti interessati si presentino in negozio. “L’innovazione – sottolinea Ivul – sta proprio nel tipo di utilizzo che viene fatto della tecnologia: da un lato consente di far tornare nel negozio il consumatore, sempre più abituato all’acquisto online, e dall’altro permette un’evoluzione digitale dei piccoli esercizi commerciali di prossimità, che altrimenti rimarrebbero schiacciati dalla forza di promozione sul web della grande distribuzione organizzata”.

Altri argomenti

di Concetta Desando

Articoli correlati