Triboo investe 300mila euro su Friendz, la startup che trasforma tutti in testimonial per le aziende | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Investimenti

Triboo investe 300mila euro su Friendz, la startup che trasforma tutti in testimonial per le aziende

16 Giu 2016

Il gruppo digitale attivo nell’advertising online e nell’ecommerce punta attraverso aumento di capitale sulla neoimpresa che ha sviluppato un’app per guadagnare crediti promuovendo con foto, selfie e contenuti testuali i brand e i prodotti delle imprese sui social network

Il team di Friendz
Friendz, startup italiana che ha sviluppato una piattaforma di digital marketing che consente ai consumatori di promuovere attività social per conto delle aziende in cambio di crediti spendibili tramite coupon e-commerce, ha raccolto un investimento di 300mila euro da parte di Triboo, gruppo attivo nel mercato digitale italiano attraverso Triboo Digitale (azienda che si occupa di e-commerce) e la Triboo Media (controllata quotata all’AIM Italia che opera nei settori editoria e pubblicità online). L’operazione è avvenuta attraverso un aumento di capitale.

“Abbiamo deciso di investire su una realtà come Friendz, la cui piattaforma tecnologica ha potenzialità commerciali notevoli nel social marketing, perché crediamo nelle prospettive della società e nelle sinergie che si possono creare con l’offerta commerciale e le competenze del gruppo Triboo sia in ambito advertising online, sia in ambito e-commerce”, dice Giulio Corno, presidente di Triboo. 

La piattaforma creata da Friendz rappresenta in effetti una realtà innovativa nel panorama italiano delle app di digital marketing. L’applicazione, a cui ci si può iscrivere tramite il proprio profilo Facebook o Instagram, dà la possibilità di partecipare a processi di advertising through gamification, un termine che indica le attività di promozione fatte dai consumatori stessi attraverso meccanismi legati al gioco. L’app propone infatti campagne marketing incentrate su azioni specifiche come fare una foto o generare dei contenuti, che devono poi essere condivisi sui social network. Ogni campagna, che si basa su direttive decise dalle aziende, prevede per gli utenti una remunerazione sotto forma di coupon. In altre parole, chi è disposto a promuovere sui social un brand o dei prodotti, li paga di meno nel momento in cui vuole comprarli online.

In questo modo, l’app consente di generare visibilità per il brand coinvolto e di condurre ricerche di mercato sul comportamento dei consumatori o concept-test su nuovi prodotti/servizi da lanciare. La prima versione dell’app è stata pubblicata sei mesi fa e a oggi conta oltre 30mila download di cui 73% di utenti attivi su base continuativa settimanale.

 “Questa società è uno dei partner più sinergici che poteva offrirci il mercato italiano”, commenta Cecilia Nostro, Cmo e co-founder di Friendz. “Triboo è una delle aziende più innovative e in crescita per quanto riguarda il mondo e-commerce, media ed editoria, che sono anche le tre anime su cui si basa il modello di business di Friendz. Siamo un gruppo di 25enni e in pochi mesi, con creatività, determinazione e un po’ di estro, abbiamo dato vita ad un motore performante che ha destato una certa curiosità. La nostra ambizione, però, è quella di creare prodotti a tutto tondo che possano portare un reale aiuto alle aziende che vogliono comunicare in modo divertente e naturale con i loro consumatori sui social. Sentiamo che il concetto di Friendz, cioè dar voce al brand tramite le persone comuni, sia l’evoluzione naturale dell’ormai inflazionato influencer marketing. Il fatto che un grande gruppo come Triboo abbia creduto in noi ci fa ben sperare che la nostra intuizione possa diventare una reale innovazione nel digital marketing”.

Maurizio Di Lucchio

Articoli correlati