Sonect: 4,65 milioni alla startup fintech che consente prelievi di contante anche nei negozi - Economyup

CASHLESS SOCIETY

Sonect: 4,65 milioni alla startup fintech che consente prelievi di contante anche nei negozi



Il round di investimento è stato chiuso sulla piattaforma fintech Doorway. Con Sonect qualunque negozio può diventare un punto di prelievo di cassa: per il cliente questo significa un più facile accesso al contante, per i merchant la possibilità di offrire nuovi servizi, per le banche una riduzione dei costi di gestione

18 Ott 2021


Sonect

La startup fintech svizzera Sonect ha chiuso un round di investimento di 4,65 milioni di euro guidato dai business angel di Italian Angels for Growth sulla piattaforma fintech Doorway (equity investing per il mercato degli investitori professionali e qualificati), che investirà 1,3 milioni. Hanno partecipato al round anche altri investitori e family office stranieri per favorire l’espansione internazionale della società. L’investimento è un anticipo sull’aumento di capitale previsto nel 2022 per finanziare lo sviluppo internazionale.

Che cosa fa Sonect

Fondata nel 2017, Sonect AG è una Fintech con sede a Zurigo. Sonect offre un servizio di prelievo di contante presso retailer convenzionati, portando nel settore della gestione contanti i principi della share economy: qualunque negozio può diventare un punto di prelievo di cassa. La soluzione offerta da Sonect risponde a tre esigenze:

WHITEPAPER
Identità digitali e frodi: come proteggere i dati?
Finanza/Assicurazioni
Pagamenti Digitali

–consentire ai consumatori un più facile accesso al contante in qualsiasi momento e vicino a dove serve, sopperendo al trend di riduzione delle filiali e degli sportelli di prelievo automatizzato delle banche

–abilitare i merchant all’offerta di nuovi servizi, che possono attrarre anche nuovi clienti, oltre a ridurre i rischi di rapine

–consentire alle banche sia di ridurre il costo della gestione del contante, sia di garantire servizi di prossimità anche in assenza di sportelli fisici.

In Svizzera, nell’arco di tre anni, Sonect è diventato il più grande network di ATM con utenti in diverse fasce di età (15% studenti, 25% anziani e 45% adulti). Dagli inizi di maggio, inoltre, Sonect è operativa in Svizzera sulla piattaforma TWINT, a cui aderiscono pressoché tutte le banche svizzere con oltre 3.000.000 di utenti. Questo ha fatto sì che, in soli 5 mesi, Sonect abbia registrato un aumento di utenti del 600% e del 1.000% sulle transazioni. La Società sta espandendo la propria rete a livello internazionale.

Sonect in Italia

Il servizio diventerà operativo in Italia entro la fine dell’anno. Per favorire una rapida diffusione è stato siglato un accordo di partnership con una primaria banca italiana. Il partner bancario si farà carico dell’onboarding dei merchant, della campagna promozionale presso gli stessi, nonché della promozione del servizio presso 1.200.000 clienti, che correntemente usano la app di mobile banking. Un ulteriore accordo è stato siglato con una rete commerciale che porta in dote altri 34.000 merchant in Italia presso i quali i clienti potranno effettuare prelievi.

La fintech svizzera e l’espansione in Europa

Nei piani della società è prevista un’espansione in Europa ed in Sud America. Nel 2020, solo in Europa, ci sono stati 7,4 miliardi di operazioni di prelievo mentre in Italia sono stati circa 900 milioni: si tratta di dati molto significativi, in quanto sarebbe già sufficiente che Sonect venisse utilizzata per il 2% del controvalore totale del mercato per garantire una redditività interessante.

“Sonect rappresenta un’innovazione che porta vantaggi a tutti gli attori della filiera del contante” – afferma Amedeo Cristofaro, Country Manager Italia di Sonect. “Questo è confermato dall’interesse che stiamo rilevando tra molti operatori del settore in Italia. Il mercato italiano è strategico per Sonect e lo sviluppo dell’applicazione nel nostro Paese ci sta inoltre consentendo di acquisire il know how tecnico e commerciale necessario per una rapida espansione in altri paesi”.

Sono quasi 70 gli investitori che tra business angels di Italian Angels for Growth (IAG) e la community di Doorway sono intervenuti in questo Club Deal. Con questo risultato, Doorway conferma il tasso di successo del 100% nella chiusura delle campagne, nella grande maggioranza in overfunding, e supera i 12 milioni di capitali raccolti. “Abbiamo valutato il progetto e la fintech Sonect di interesse e con potenziale di crescita e scalabilità internazionale, con una competizione limitata. Per questo abbiamo ritenuto opportuno proporla ai soci IAG ed alla comunità Doorway” hanno commentato Marco Bolgiani e Fabrizio Centrone ‘Champion’ di IAG, esperti del settore finanziario e di pagamenti che hanno curato la Due Diligence. “Continueremo a fornire consulenza e supporto alla società per aiutarla a sviluppare il business sia in Italia, sia all’estero”.

“Siamo particolarmente contenti di questo risultato ottenuto da Sonect, sia per le possibilità di sviluppo che apre a questa soluzione innovativa, sia perché rappresenta la terza campagna Doorway, su 19 effettuate, che supera il milione di euro di raccolta”, ha commentato Antonella Grassigli, co-founder e CEO di Doorway, recentemente nominata Business Angel dell’anno. “Ciò che ci aveva colpito quando abbiamo selezionato questa app era stato non solo l’aspetto disruptive della delocalizzazione del prelievo di contante e quello di open innovation, ma anche l’impatto in chiave di sostenibilità attraverso la riduzione delle emissioni e dei consumi di energia legati a tutte le operazioni di gestione e distribuzione del contante. Un fattore, quest’ultimo, sempre più importante per offrire la possibilità di exit vantaggiose tanto che, primi in Italia, abbiamo incluso in modo strutturale la valutazione dei criteri ESG nella valutazione di tutte le startup e scale up da portare in raccolta”.