Società benefit, Doorway è la prima fintech italiana che punta al "beneficio comune" | Economyup

STARTUP

Società benefit, Doorway è la prima fintech italiana che punta al “beneficio comune”



La piattaforma di Equity Investing online ha ottenuto la forma giuridica di BCorp, che qualifica le imprese in grado di avere un impatto positivo sulla collettività. “Valuteremo startup e pmi innovative anche in chiave di sostenibilità” dice la CEO di Doorway Antonella Grassigli

23 Dic 2020


Antonella Grassigli, founder e CEO di Doorway

Essere un’impresa fintech (tecnologia applicata alla finanza) e allo stesso tempo perseguire un beneficio per la comunità: è quello che intende fare Doorway, piattaforma di Equity Investing online autorizzata da Consob, che ha ottenuto la forma giuridica di Società Benefit. La qualificazione di società Benefit, riconosciuta dalla Legge finanziaria 2016, è rivolta a imprese che perseguono volontariamente, nell’esercizio dell’attività d’impresa, oltre allo scopo di lucro anche una o più finalità di beneficio comune. Si tratta di una previsione normativa innovativa e unica a livello europeo che legittima e attribuisce valore a un modo di fare impresa non focalizzato solo sulla dimensione economica, ma sulla capacità di far convergere redditività e sostenibilità, nell’ottica di creare ricadute positive per gli stakeholder.

Benefit Corporation, anche in Italia B Corp, società benefit a impatto positivo su persone e ambiente

Perché Doorway diventa BCorp

WHITEPAPER
Come è cambiato in Italia il quadro normativo dei pagamenti digitali verso la PA?

La trasformazione in società Benefit – si legge in una nota  – conferma la mission di Doorway che è da sempre quella di contribuire alla creazione di valore per gli investitori e per le aziende investite, convogliando capitali verso lo sviluppo di imprese innovative in grado di generare un cambiamento positivo sulla società e verso un sistema economico finanziario più resiliente e capace di creare benessere nel lungo termine.

Antonella Grassigli, CEO e Co-founder di Doorway, ha dichiarato: “Doorway nasce per favorire, grazie al suo modello di business, l’investimento di capitali privati in economia reale. Da più autorevoli parti è stata evidenziata la necessità e l’opportunità che parte del risparmio italiano venga veicolata su start up e PMI innovative, anche come motore della ripresa economica. I miei Soci ed io siamo orgogliosi di avere creato la prima startup Fintech “purpose driven” in Italia: la piattaforma di investimento gestita da Doorway non è un’organizzazione filantropica interessata a risolvere i problemi della società, ma un’impresa che identifica e monitora gli effetti positivi e i rischi generati dalla propria attività nel contesto degli investimenti finanziari in innovazione ed economia reale. Doorway selezione le migliori startup e PMI innovative sul mercato, valutandone l’impatto in termini di sostenibilità mediante l’utilizzo di parametri ESG (Environmental, Social & Governance).Tale scelta risponde alla convinzione che nel medio e lungo termine saranno le aziende con la migliore performance ESG a essere le più agili e profittevoli, a vantaggio nostro, dei nostri investitori e del sistema degli stakeholder in generale. Già oggi tutte le aziende su cui abbiamo veicolato investimenti o che sono attualmente in fundraising con noi come Garanteasy, Brots e Pep Therapy, rispondono pienamente a questi requisiti”.