Benefit corporation, le imprese "obbligate" a produrre benessere | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

InsuranceUp

Benefit corporation, le imprese “obbligate” a produrre benessere

03 Feb 2016

Introdotte con l’ultima Legge di Stabilità anche nell’ordinamento italiano, le b-corp sono società che possono perseguire il profitto ma hanno il dovere di avere un impatto positivo sul contesto sociale in cui operano e sull’ambiente. In Italia ne esistono già una decina, dall’azienda che fa olio a quella che raccoglie detriti spaziali

Benefit Corporation è una definizione che a prima vista potrebbe sembrare una sorta di contraddizione in termini. In generale, siamo infatti abituati a pensare alle aziende che fanno profitti come a delle entità che non hanno nella loro missione fare del bene, a eccezione magari di quelle che definiscono appositi programmi di Csr (Company social responsability) che però sono, appunto, programmi specifici e non elementi strutturali della organizzazione. D’altro lato, siamo anche abituati a pensare che le organizzazioni che fanno del bene siano quelle che vengono normalmente definite no-profit, quindi che non generano profitti. È questa dicotomia molto netta e molto consolidata che ci fa d’istinto pensare che le parole benefit e corporation siano in contrasto tra loro.

Ciò però non è più vero, perché tra i tanti cambiamenti di tipo paradigmatico e strutturale che stanno avvenendo in questo momento storico uno dei più significativi è proprio il superamento della incompatibilità tra generare profitti e allo stesso tempo benefici sociali e ambientali. Tale superamento avviene perché sempre più frequentemente le imprese, comprese quelle più innovative e quelle in fase di startup, fanno propri concetti legati al positivo impatto su società e su ambiente e tali concetti non sono più declinati semplicemente con programmi appositi ma diventano parte del Dna strutturale dell’organizzazione che mantiene il carattere di impresa, quindi la capacità di generare fatturati, utili, creare posti di lavoro, attrarre investitori, quotarsi sui mercati borsistici ecc.

Le Benefit Corporation sono una realtà molto concreta che è ben illustrato nel Manuale delle B Corp che da dicembre scorso è disponibile anche nella traduzione italiana. Il manuale illustra sia le metodologie sia la struttura che una B Corp deve avere per potere essere considerata tale e racconta storie di aziende che hanno scelto questa strada.

Continua a leggere su InsuranceUp

 

Articoli correlati