Sailsquare, 1,3 milioni di euro alla startup dei viaggi in barca a vela | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Investimenti

Sailsquare, 1,3 milioni di euro alla startup dei viaggi in barca a vela

29 Giu 2016

La piattaforma che permette di organizzare vacanze in mare con skipper qualificati chiude un aumento di capitale a cui partecipano il fondo d’investimento Ligur Capital e alcuni investitori privati (tra cui FocusFuturo). Le risorse saranno utilizzate anche per espandersi sul mercato europeo

Sailsquare, la piattaforma per condividere viaggi in barca a vela, chiude un aumento di capitale di 1,3 milioni di euro, a cui hanno partecipato il fondo d’investimento Ligur Capital e alcuni investitori privati (tra cui FocusFuturo). La startup milanese, fondata nel 2013 da Riccardo Boatti e Simone Marini, afferma di essere il primo operatore in Italia per numero di imbarchi e poggia su una community di oltre 50mila utenti registrati tra Italia e estero.

Ognuno può prenotare la propria vacanza online scegliendo tra le proposte degli skipper presenti sulla piattaforma, che vanno dal Mediterraneo (Italia, Croazia, Grecia, Spagna, Francia) fino ad altre mete a livello mondiali, dalle Seychelles ai Caraibi.

“Questo round di investimento – dice Marini, ceo della società – conferma l’efficacia del nostro modello di business. La richiesta crescente di turismo esperienziale, soprattutto quello offerto da guide locali, e la sempre maggiore fiducia verso i servizi della sharing economy stanno attirando l’attenzione degli investitori, che dimostrano di riconoscere e apprezzare il potenziale di crescita di questo mercato”.

Con le nuove risorse, l’azienda punta a consolidare la sua posizione sul mercato nazionale e ad espandarsi in Europa. “I capitali raccolti – dice Boatti – serviranno soprattutto a conquistare la leadership a livello europeo nei prossimi due anni, attraverso un presidio e una presenza diretta in alcuni mercati chiave come Francia, Regno Unito e Germania” .

 

 

 

Maurizio Di Lucchio

Articoli correlati