Open banking: 35 milioni per TrueLayer, startup "italiana" a Londra | Economyup

FINTECH

Open banking: 35 milioni per TrueLayer, startup “italiana” a Londra



Fondata nel 2016 da Francesco Simoneschi (il CEO) e Luca Marinetti, la società è un provider di financial APIs che conta di connettere grand parte delle banche europee entro il 2019. A guidare il round Tencent, la holding di Wechat, e Temasek, finanziaria del governo di Singapore che gestisce un portafoglio da 300 billion

di Giovanni Iozzia

10 Giu 2019


Mega investimento per TrueLayer, startup fintech per l’open banking basata a Londra ma fondata da due italiani: Francesco Simoneschi, che è il CEO, e Luca Martinetti. A guidare il round di serie C da 35 milioni sono due colossi come Tencent e Temasek: Tencent è la holding cinese che, grazie a WeChat, vale più di Facebook; Temasek è una società di investimento del governo di Singapore che gestisce un portafoglio di oltre 300 billion.

Che cosa fa TrueLayer

TrueLayer, fondata nel 2016, è un provider di financial APIs: è stata una delle prime società in Gran Bretagna ad essere autorizzata come istituto di pagamento dalla FCA (Financial Conduct Authority) per poter gestire dati e pagamenti in regime di Open Banking, come previsto dalla  direttiva europea PSD2. Con questo round, a cui hanno partecipato i precedenti investitori che sulla società hanno già puntato 7,5 milioni nel 2018la startup arriva a una raccolta di 47milioni di dollari.

A che cosa serviranno i 35 milioni

I capitali raccolti sono destinati allo sviluppo di TrueLayer in Europa ( conta già entro quest’anno di connettere gran parte delle banche del Vecchio Continente) e verso Australia ed Asia. Le tappe europee sono Germania, Francia, Italia e Spagna in partnership con altre società come Monzo, Zopa, ClearScore, Plum, Emma, CreditLadder, Canopy e ANNA Money.

Francesco Simoneschi, founder True Layer

Lo sviluppo dell’open banking, non solo in Europa

A un anno dalla emanazione della direttiva europea PSD2 (maggio 2018), il 2019 si confrerma l’anno di svolta per l’open banking. Il 14 marzo è cominciato il periodo di test e dal 14 settembre gli istituti di credito dovranno aprire le APIs. È di pochi giorni fa un altro importante investimento, almeno per l’ecosistema italiano: 4,5 milioni per la startup Yapily.

FORUM PA 6- 11 luglio
Innovazione e trasformazione digitale per la resilienza. Scopri il nuovo FORUM PA digitale
CIO
Dematerializzazione

“Nel corso dell’ultimo anno abbiamo visto una robusta crescita del concetto stesso di open banking, ma siamo ancora all’1%. Abbiamo una lunga strada da fare”, conferma Simoneschi, che ricorda: “Solo in UK 4 milioni di persone non hanno ancora accesso al credito, 20 milioni stanno usando i prodotti finanziari sbagliati e 5 milioni di Pmi sono alle prese con problemi di liquidità. TrueLayer sarà un abilitatore di innovazione finanziaria capace di rimuove le frizioni che ancora esistono tra banche e mercato”.

D’altro canto, L’open banking è una tendenza che dall’Europa raggiungerà presto i mercati del FarEast dove si stanno mettendo a punto legislazioni che prevedono, appunta, l’apertura dei sistemi degli istituti di credito a nuovi player in grado di proporre nuove tipologie di servizi

 

Giovanni Iozzia

Ho studiato sociologia ma da sempre faccio il giornalista e seguo la tecnologia . Sono stato direttore di Capital, vicedirettore di Chi e condirettore di PanoramaEconomy.