Mobile Banking, N26 chiude un round da 160 milioni di dollari (con dentro Allianz e Tencent) | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

OPEN INNOVATION

Mobile Banking, N26 chiude un round da 160 milioni di dollari (con dentro Allianz e Tencent)

20 Mar 2018

La fintech fondata da Valentin Stalf nel 2014, con 850mila clienti nel mondo, ha raccolto il finanziamento più grande della sua storia. A guidare l’operazione sono stati Allianz X, braccio d’investimento digitale del gruppo tedesco, e il colosso dell’IT cinese. I capitali raccolti serviranno per crescere a livello globale

N26, la startup tedesca fondata nel 2014 che permette di aprire e gestire un conto solo con lo smartphone, ha chiuso un round di finanziamento (series C) da 160 milioni di dollari. A guidare l’operazione monstre sono stati Allianz X, l’unità di investimento digitale del gruppo Allianz, e Tencent Holdings, colosso cinese dell’information technology (tra i suoi servizi più conosciuti c’è WeChat, il WhatsApp cinese). L’operazione – si legge in una nota – rappresenterebbe il più grande finanziamento in equity (al netto delle Initial Public Offering) del settore fintech in Germania fino ad oggi.

Secondo quanto riporta il sito Crunch Base, la “banca da smartphone” guidata da Valentin Stalf ha ricevuto, dalla sua fondazione (2015) a oggi, cinque round di investimento, per un ammontare totale di 187,7 milioni di dollari. Prima dell’operazione appena annunciata, a scommettere su N26 erano stati, tra gli altri, Horizon Ventures (nel 2016, attraverso un round da 40 milioni) e Valar Ventures (nel 2015, con un investimento da 10 milioni).

Da gennaio 2015, data del lancio, N26 ha acquisito più di 850mila clienti, riporta ancora una nota. L’obiettivo sarebbe quello di raggiungere quota 5 milioni di clienti entro il 2020. Per quanto riguarda i volumi transati, invece, la società ha raggiunto quota 9 miliardi di euro, con un volume previsto superiore a 13 miliardi di euro solo nel 2018.

IL COMMENTO DEL CEO E LE STRATEGIE FUTURE

Valentin Stalf, CEO di N26, ha commentato così l’operazione: «siamo molto soddisfatti che Allianz e Tencent siano alla guida del nostro finanziamento di serie C. Non soltanto rappresentano il motore trainante dei rispettivi settori, ma comprendono il potere che la tecnologia e il design hanno di sovvertire interi settori industriali».

Grazie al nuovo apporto di capitali, la società tedesca potrà puntare su una strategia di crescita complessiva, nonché sull’espansione internazionale del marchio, in particolar modo negli Stati Uniti e nel Regno Unito, entro il 2018. Oltre a sostenere lo sviluppo dei prodotti sui mercati esistenti. Questo perché, uno degli aspetti fondamentali del successo e della crescita di N26, è il suo focus su un retail banking più semplice e trasparente.

L’obiettivo di N26 è infatti quello di rendere l’esperienza bancaria dei clienti sempre più smart e personalizzata, anche attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale. È su questa tecnologia che, secondo i componenti della società, sarà possibile alla banca del futuro di adattarsi più facilmente ai bisogni dei clienti e di risolvere i problemi in un modo attualmente impossibile per le banche retail tradizionali.

LA VOCE DEGLI INVESTITORI

«N26 è chiaramente un precursore del mobile banking» ha spiegato Nazim Cetin, CEO di Allianz X. «La piattaforma bancaria di N26 sta modernizzando i modelli di business tradizionali dei servizi finanziari, in sostanza offrendo una migliore customer experience».

Lin Haifeng, Managing Partner, Tencent Investment di Tencent Holdings Limited, ha aggiunto: «come pioniere nell’industria del mobile banking in Europa, N26 si impegna a offrire ai propri clienti un’esperienza bancaria più conveniente e vantaggiosa. Mentre assistiamo alla crescente domanda di prodotti e servizi bancari digitali nei mercati europei, siamo lieti di essere un investitore strategico di N26, realtà con la quale vogliamo costruire una partnership di lungo corso in modo da partecipare alla loro crescita».

QUAL È L’INNOVAZIONE DI N26

L’utilizzo di questo servizio consente all’utente di aprire un conto (in maniera gratuita) direttamente via smartphone e in pochissimo tempo (otto minuti secondo chi l’ha provato). Una volta effettuata questa operazione, si riceve – direttamente sul cellulare – l’IBAN, che si attiva all’istante. Mentre l’autenticazione della persona avviene tramite una video chiamata (effettuabile anche da smartphone). A questo punto basta aspettare qualche giorno, per ricevere la Mastercard associata al conto. L’utilizzo di un conto N26 permette di accedere, poi, a una serie di servizi digitali: da Transferwise, per effettuare bonifici internazionali, a Moneybeam, per inviare e ricevere denaro tramite SMS a tutti i contatti della rubrica.

In più attivando l’offerta premium, si potrà richiedere N26 Black, una carta che associa al conto una polizza assicurativa offerta dal gruppo Allianz. Nell’offerta è compresa anche un’assicurazione di viaggio, una sul furto dello smartphone, oltre al rimborso del contante rubato fino a 4 ore dal prelievo (con la carta di debito) in Italia o all’estero. La vera novità rispetto ad altri modelli di banca mobile comunque resta la mancanza totale di filiali e l’indipendenza dai grandi gruppi del settore finanziario.

IL VIDEO

 

Fabrizio Marino

Sono stato responsabile della sezione Innovazione e Tecnologia de Linkiesta, ho gestito la comunicazione di Innogest, sono Content Creator per PoliHub. Per EconomyUp mi occupo di innovazione e startup.

Articoli correlati