Fintech, la banca per smartphone che vuole conquistare il mercato italiano | Economyup

Strategie

Fintech, la banca per smartphone che vuole conquistare il mercato italiano



Con la sua app, N26 ha reso l’apertura di un conto corrente semplice, veloce, moderna, e completabile in otto minuti dal dispositivo mobile. Ora punta a espandersi sul mercato italiano, come annunciato, durante Blast2017, dal fondatore Valentin Stalf

di Redazione EconomyUp

12 Mag 2017


Chi l’ha detto che l’Italia non è un mercato appetibile per le startup? Valentin Stalf, fondatore e CEO di N26 – prima banca per smartphone d’Europa ad ottenere una licenza bancaria completo – non la pensa esattamente così. Anche perché la sua società è pronta per espandersi sul mercato italiano, su cui è presente già da gennaio.

Ad annunciarlo è stato lo stesso fondatore dal palco di Blast2017. «L’Italia è lo scenario perfetto per l’espansione internazionale di N26. Con la sua storia millenaria e la bellezza naturale, gli italiani amano godersi la loro vita in viaggio. Per questo motivo il nostro prodotto ha riscosso grande successo nei mesi scorsi, quando abbiamo acquisito più di 10mila clienti».

WHITEPAPER
Come è cambiato in Italia il quadro normativo dei pagamenti digitali verso la PA?

N26 è stata la prima banca per smartphone d’Europa a ottenere una licenza bancaria completa. Con la sua app ha reso l’apertura di un conto corrente semplice, veloce e moderna, completabile in otto minuti interamente da smartphone. I clienti, in seguito, ricevono una Mastercard per pagare elettronicamente o prelevare denaro in tutto il mondo. Possono bloccare e sbloccare la carta con un semplice clic e inviare denaro istantaneamente ai loro amici e contatti.

Continua a leggere su StartupBusiness

Redazione EconomyUp