Milan Fintech Summit 2022: torna l'appuntamento dedicato al fintech italiano e internazionale - Economyup Milan Fintech Summit 2022: torna l'appuntamento per il fintech italiano e internazionale

L'EVENTO

Milan Fintech Summit 2022: torna l’appuntamento dedicato al fintech italiano e internazionale



Milan Fintech Summit si svolgerà in presenza il 5, 6 e 7 ottobre a Milano. Novità del 2022: una sessione di pitch per le fintech con investitori italiani e internazionali, un momento di confronto diretto con le istituzioni che risponderanno alle domande del pubblico e l’area espositiva per i partner dell’evento

26 Set 2022

Torna il Milan Tech Summit, terza edizione dell’appuntamento con il fintech (la tecnologia applicata alla finanza) che si svolgerà il 5, 6, 7 ottobre 2022. 

Aiutare l’ecosistema fintech italiano a crescere, attrarre interesse e investimenti anche da parte di player internazionali e accendere i riflettori sul ruolo centrale di Milano quale capitale dell’innovazione a livello europeo. Sono questi gli obiettivi del Milan Fintech Summit, l’evento internazionale promosso e organizzato da Fintech District, Business International – Fiera Milano, insieme a FTS Group e con il supporto del Comune di Milano tramite Milano&Partners.

La terza edizione, la prima totalmente in presenza, si terrà presso l’Hotel Melià di Milano il 5, 6, 7 ottobre.

Finora, si legge in un comunicato, il Summit e le iniziative a esso collegate stiano hanno portato risultati concreti nello sviluppo di una roadmap in grado di attrarre investimenti nel nostro Paese anche dall’estero: FDI Unit – Foreign & Direct Investments Unit di Milano&Partners mostra che negli ultimi due anni 152 Fintech internazionali hanno manifestato concreto interesse verso la città. Dal 2018 al 2021 le aziende Fintech in Italia sono cresciute anno su anno del 28%, passando da 299 a 564 con la città meneghina che guida questa crescita e attrae sempre più investimenti, ospitandone oltre il 45%.

La FDI Unit di Milano&Partners in collaborazione con il Fintech District si è resa protagonista di questa crescita. Lo ha fatto il Soft Landing Program, iniziativa a supporto di fintech estere non ancora operative in Italia che vengono accompagnate alla scoperta del mercato locale attraverso la creazione di relazioni e piani di azione strutturati. Sono stati coinvolti 73 nuovi player internazionali, di cui 13 unicorni. Di questi, 11 sono già diventati operativi in Italia e 5 lo saranno a breve. I finanziamenti alle startup Fintech italiane sono cresciuti di oltre il 60% dal 2018 al 2021 e nel 2021 le startup Fintech italiane hanno ricevuto 410 milioni di euro, stabilendo un nuovo record per il paese.

Come sarà la terza edizione di Milan Fintech Summit a ottobre 2022

Sono oltre 90 i relatori confermati per questa nuova edizione del Milan Fintech Summit 2022. Tra questi i CEO di unicorni internazionali, i founder delle eccellenze fintech nostrane, player finanziari tradizionali e rappresentanti delle istituzioni. Esperti ed economisti nazionali e internazionali si confronteranno sui trend che stanno ri-disegnando i confini del settore finanziario, sulle prospettive future e sui prossimi passi necessari perché l’ecosistema fintech possa continuare a crescere ed esprimere a pieno il suo potenziale.

WHITEPAPER
Come evolve l’Open Banking? Diventa Open Finance: scarica la guida
Amministrazione/Finanza/Controllo
Finanza/Assicurazioni

Clelia Tosi, Head of Fintech District, commenta: “L’ecosistema italiano è maturo e pronto per esprimere le sue potenzialità: le fintech sono oltre 400 con un numero sempre maggiore di scale up e la maggior parte di quelle che appartengono alla nostra community hanno un modello di business b2b o b2b2c, sono quindi aperte e cercano la collaborazione con gli incumbent. Segnali positivi arrivano anche sul fronte degli investimenti, dal momento che più del 50% degli stessi arrivano da fondi di venture capital internazionali. L’Italia rimane tuttavia ancora fanalino di coda rispetto agli altri paesi europei: per stare al passo con i competitor internazionali, è necessario migliorare nel fare sistema e agevolare il dialogo tra tutti gli stakeholder. Il Milan Fintech Summit punta proprio a questo”.

Clelia Tosi, nuova Head of Fintech District: “Vorrei più casi di open innovation”

“Creare una cultura dell’innovazione finanziaria non è solo una grande opportunità per l’Italia, ma è soprattutto una necessità a cui non possiamo sottrarci, in questo frangente storico. Formare nuove generazioni di talenti all’interno di un profilo generale tecnologico e circolare, infatti, è l’unico modo per trovare soluzioni concrete e flessibili alle ondulazioni continue della realtà quotidiana. In questo contesto, grazie ad eventi come questo, la città di Milano può trasformarsi in una vera e propria porta verso il presente avanzato, generazionalmente allineata alle aree del mondo che stanno disegnando col pensiero i nuovi modelli della produzione, immateriale e non” aggiunge Carlo Antonelli, Direttore di Business International – Fiera Milano.

Relatori e protagonisti

Sotto la regia del conference chair Alessandro Hatami, si alterneranno sul palco gli unicorni stranieri operativi in Italia nelle persone di Erik Podzuweit Founder e Co-CEO di Scalable Capital, Alexandre Prot Co-Founder e CEO di Qonto, Lukas Enzersdorfer-Konrad Deputy CEO di Bitpanda. Riccardo Trubiani, Chief of Staff di ScalaPay – primo unicorno fintech italiano – sarà protagonista del networking cocktail – su inviti – del primo giorno. Sul palco anche il keynote speaker Sopnendu Mohanty, Chief Fintech Officer della Monetary Authority of Singapore, Matthias Kroener, Carlo Gualandri CEO di Soldo, Giuseppe Vegas Chairman di Arisk ed ex presidente di Consob, Paolo Zaccardi Co-founder e CEO di Fabrick, Clément Mauguet Co-Founder di Agicap, Sergio Zocchi CEO di October Italia e Presidente di Italia Fintech. Dagli Stati Uniti interverranno, invece, Omobola Johnson, ex Ministro delle tecnologie e della comunicazione in Nigeria e Senior Partner di TLcom Capital, e Brett King, autore di best seller e Host di Breaking Banks.

Tre le importanti novità di quest’anno: la sessione “V for VC (or CVC)”, in cui aziende selezionate faranno pitch con investitori italiani e internazionali in un contesto a loro riservato; la sessione “Everything You Always Wanted to Know from Authorities (But Were Afraid to Ask)” in cui rappresentanti di Consob e Milano Hub – Banca D’Italia risponderanno alle domande arrivate dal grande pubblico; e l’area espositiva fisica in cui le aziende partner presenteranno le proprie soluzioni e saranno a disposizione per incontri e dimostrazioni.

L’agenda completa e le informazioni relative alle iscrizioni sono disponibili al sito www.milanfintechsummit.com