GoodBuyAuto, un milione alla startup per la compravendita online di auto usate | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Finanziamenti

GoodBuyAuto, un milione alla startup per la compravendita online di auto usate

23 Nov 2016

Tra gli investitori che hanno preso parte a questo secondo round di finanziamento spiccano Fabio Cannavale, Ceo di Lastminute.com, Lorenzo Sistino, ex Ceo di Fiat, e Giuseppe Guillot, già Coo di Yoox. Il founder Carlo Salizzoni: «Ci stimola avere a bordo manager di grande esperienza»

Il founder di Goodbuyauto.it Carlo Salizzoni
Il suo founder Carlo Salizzoni l’aveva preannunciato a EconomyUp qualche mese fa e ora è successo: a un anno esatto dalla fondazione della società, GoodBuyAuto riceve un nuovo finanziamento da un milione di euro, riscuotendo la fiducia, tra gli altri, di tre top manager di grandi aziende.

La piattaforma per la compravendita online di auto usate di qualità ha ottenuto un nuovo finanziamento, dopo un primo round da 1,5 milioni di euro, che proviene in larga parte da un gruppo di investitori privati nel quale hanno avuto un peso preponderante professionisti come Lorenzo Sistino, ex Chief Executive Officer di FiatFabio Cannavale, founder e Chief Executive Officer di Lastminute.com Group e Giuseppe Guillot, a lungo Chief Operating Officer di Yoox Group.

Esperienze di grande rilievo, in ambiti diversi ma complementari, e la fiducia nel progetto hanno fatto sì che i tre top manager abbiano deciso di investire in GoodBuyAuto, fornendo capitale fresco e know-how.

Come funziona GoodBuyAuto – Fondata a gennaio 2015 a Milano da Carlo Salizzoni, manager che ha studiato e lavorato molti anni all’estero, la startup innovativa nasce dall’idea di proporre ai consumatori che intendono comprare o vendere una vettura di seconda mano, un’alternativa più efficiente rispetto alle modalità tradizionali. Il marketplace di GoodBuyAuto.it, infatti, offre tutte le garanzie e i servizi degli autosaloni con le efficienze della digital economy, permettendo a chi compra di risparmiare tempo e denaro. Un altro aspetto caratterizzante del modello GoodBuyAuto.it è l’attenzione al cliente. Ha per prima introdotto la formula “14 giorni soddisfatti o rimborsati” così come un servizio di consulenza all’acquisto a 360 gradi. “L’acquisto e la prenotazione online è ormai prassi consolidata in molti settori tra cui quello del travel, dove l’utente ricerca e prenota il viaggio in base alle proprie esigenze in modo semplice e veloce” commenta il founder e Ceo di lastminute.com group, Fabio Cannavale, “e lo stesso si può applicare al settore delle auto usate”.

Come è nata l’idea di GoodBuyAuto – Il fondatore Carlo Salizzoni, 40 anni, originario di Bologna, ha lavorato per molto tempo all’estero come manager di grandi aziende, in particolare nella consulenza sula ristrutturazione di aziende in crisi, ma il suo sogno era mettersi in proprio. Dopo aver studiato negli Usa, ha lavorato per Dhl a Bonn e a Bruxelles, e poi a Londra per Alvarez & Marsal e AlixPartners. Ma ha deciso di rientrare in Italia. “Volevo avere la mia startup e l’unico modo era riavvicinarsi al Paese”. Intervistato da EconomyUp a giugno scorso, Salizzoni raccontava del suo non facile percorso di startupper. “Sono due giorni che non mangio, sto trascurando gli affetti, sto lavorando al prossimo round di finanziamento ma saprò qualcosa solo a fine anno: è durissima. Eppure io credo che provochi molta più sofferenza sapere di avere un potenziale e non riuscire a realizzarlo invece di provarci”.

Se il top manager fa startup a 40 anni: la voglia di realizzarsi e l’angoscia di sbagliare

Chi ha finanziato GoodBuyAuto – Partner strategici e soci della prima ora di GoodBuyAuto sono stati E-Novia (azienda italiana di eccellenza per la produzione di innovazione e trasformazione in impresa) e due dei più grandi players della distribuzione auto del Paese a supporto della parte automotive. Al finanziamento hanno contribuito alcuni business angels. Come detto, a questo secondo round ha preso parte, tra gli altri, Lorenzo Sistino, che sostiene: “Sono convinto che anche il mercato dell’auto sia pronto ad aprirsi all’avvento delle nuove tecnologie perché i clienti possano avvantaggiarsi delle innumerevoli possibilità che queste offrono”. Un altro degli investitori, Giuseppe Guillot, afferma: “Yoox Group è riuscito a diventare leader di mercato anche grazie all’idea del ‘reso garantito’, in un momento in cui sembrava impossibile che una categoria come quella dell’abbigliamento, e a maggior ragione quello del lusso, potesse essere venduto online. Nello stesso modo, oggi GoodBuyAuto sta diventando grande nel mondo dell’acquisto online delle auto usate grazie a tutte le sue garanzie e alla sua particolare attenzione al cliente”. “Avere a bordo manager e imprenditori di grande esperienza è per noi motivo di grande stimolo e soddisfazione” commenta Carlo Salizzoni, Chief Executive Officer di GoodBuyAuto.

Articoli correlati