Cos'è Tandem, la banca digitale che piace agli investitori | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Fintech

Cos’è Tandem, la banca digitale che piace agli investitori

02 Giu 2016

Un milione di euro raccolto in dieci secondi sulla piattaforma di crowdfunding Seedrs e una valutazione di oltre 80 milioni. Tandem è una neobank, istituto finanziario senza filiali che funziona solo su smartphone e mette al centro del progetto il cliente. Ecco come funziona

Ricky Knox co-fondatore di Tandem
Cos’è una “mobile-only bank” e perché qualcuno dovrebbe investirci dei soldi? Un interrogativo a cui potrebbero rispondere i partecipanti alla recente campagna di equity-crowdfunding di Tandem, banca digitale londinese che non ha filiali e opera soltanto tramite smartphone. Una campagna per certi versi storica, che ha fatto registrare un traguardo inedito e garantito alla startup una visibilità senza precedenti. Lanciata sulla piattaforma Seedrs infatti, la raccolta di capitali dell’azienda londinese ha realizzato una specie di record, racimolando 1 milione di sterline in 15 minuti, 850 dei quali (corrispondente a oltre un milione di euro) in soli 10 secondi.

Ma cos’è Tandem e qual è lo spirito che incarna? Lo spiega bene Ricky Knox, uno dei fondatori della startup, in una recente intervista rilasciata al sito finanziario Business Insider: «Stiamo cercando di creare una “buona banca”. Grazie ad un uso analitico dei dati di cui entriamo in possesso, siamo in grado di consigliare al meglio i nostri clienti, sia nel campo degli investimenti che nella gestione della spesa nella vita quotidiana. Il punto è che questa applicazione non si rivolge agli esperti dei meccanismi finanziari, ma guarda piuttosto a tutte quelle persone che si chiedono: sto spendendo bene il mio denaro? Come faccio ad arrivare a fine mese evitando gli sprechi?».

In altre parole l’obiettivo principale di Tandem è quello di ridefinire la relazione tra banca e cliente, e offrire un supporto professionale per migliorare l’attività finanziaria di chi utilizza questa piattaforma. L’unico strumento attraverso cui opera Tandem è l’applicazione proprietaria, che propone una gamma completa di prodotti e servizi bancari sia innovativi che tradizionali. A conti correnti, prestiti e carte di credito si aggiunge un software intuitivo per tenere sotto controllo tutte le operazioni finanziarie in qualsiasi momento. In più un sistema di notifiche intelligenti e una guida personalizzata aiutano l’utente a gestire al meglio i propri risparmi, evitando le spese inutili.

Fondata nel 2014 da Ricky Knox e Matt Cooper, Tandem ha ottenuto la licenza bancaria a novembre 2015 e, prima di avviare la campagna di equity-crowdfundign su Seedrs, aveva già ottenuto un finanziamento di oltre 28 milioni di euro da diversi investitori (tra cui Pierre Omidyar di eBay) a fronte di una valutazione di mercato di oltre 83 milioni. Entrambi i founder hanno un passato di successo nel campo finanziario: Knox ha fondato Small World FS, tra le società di trasferimento di denaro più grandi al mondo, mentre Cooper era tra i fondatori di Capital One Bank uno tra i principali istituti finanziari degli Stati Uniti. Il modello di business prevede un meccanismo di monetizzazione a due livelli: nel primo caso, Tandem genererà ricavi grazie al margine di interesse e alle commissioni sulle operazioni finanziarie; nel secondo caso tramite servizi di consulenza messi a disposizione dei clienti.

Il settore delle neobanks è in grande crescita, in particolar modo nel Regno Unito, e tra le startup di rilievo che operano in questo campo assieme a Tandem si possono citare Mondo, Atom e Starling. Proprio Mondo, ad inizio 2016, aveva fatto registrare un altro grande successo nella fase di raccolta fondi, raggiungendo quota un milione di sterline in poco più di un minuto e mezzo sulla piattaforma Crowdcube.

Fabrizio Marino
Giornalista

Sono stato responsabile della sezione Innovazione e Tecnologia de Linkiesta, ho gestito la comunicazione di Innogest, sono Content Creator per PoliHub. Per EconomyUp mi occupo di innovazione e startup.

Articoli correlati