Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

#DIGITALIANI

Enel e Cisco insieme per l’innovazione digitale nell’energia

13 Lug 2017

Aziende

Altri argomenti

Le due aziende svilupperanno soluzioni digitali nel settore energetico e realizzeranno programmi di formazione per contribuire a colmare il gap italiano sulle competenze digitali. Internet delle Cose e Cybersecurity le principali aree di collaborazione

Enel e Cisco hanno firmato un protocollo di intesa per sviluppare soluzioni digitali innovative nel settore dell’energia. L’obiettivo è sfruttare al meglio tutte le potenzialità delle tecnologie di telecomunicazione, di sicurezza informatica e dell’Internet delle Cose, per creare nuovi servizi ed una smart grid ancora più sicura, intelligente e affidabile, al servizio del Paese.

Un accordo all’insegna della co-innovazione, paradigma dell’innovazione in base al quale nuove idee e approcci provenienti da risorse interne ed esterne sono integrate in una piattaforma per generare nuovi valori e beni condivisi da tutti gli stakeholders, compresi i consumatori.

Co-innovazione, che cos’è e perché le aziende non possono più farne a meno

Un traguardo che potrà essere raggiunto da Cisco ed Enel  anche grazie a un programma di formazione specialistica, che permetterà non solo ai dipendenti Enel, ma anche a numerosi studenti e professionisti, di aggiornare le proprie competenze acquisendo le conoscenze necessarie per gestire, controllare e mantenere protetta una rete in cui tecnologie digitali e tecnologie elettriche tradizionali sono sempre più connesse tra di loro.

L’accordo firmato fa parte del programma Digitaliani, il piano di investimenti di Cisco in Italia, che mette a disposizione 100 milioni di dollari in tre anni per accelerare la digitalizzazione del Paese. La diffusione delle competenze digitali e l’innovazione delle nostre infrastrutture chiave sono due dei pilastri fondamentali del programma.

Open innovation, la strategia di Cisco: 100 milioni di dollari su startup e competenze digitali

“La digitalizzazione permette di gestire e proteggere meglio risorse preziose come l’energia” ha commentato Edwin Paalvast, Presidente di Cisco EMEAR.

“Questo accordo fra Cisco e Enel riflette ciò che entrambi crediamo: insieme possiamo sviluppare innovazione digitale ed avviare iniziative tecnologiche per creare una nuova generazione di servizi basati sull’Internet delle Cose. Il mondo cambia a un passo sempre più veloce: creare insieme e co-innovare è la chiave per affrontare le opportunità e le sfide del futuro”

Livio Gallo, Direttore Globale Infrastrutture e Reti di ENEL, ha commentato: “Siamo entrati in una nuova era per il settore dell’Energia, dove connettività, la capacità di raccogliere dati, elaborarli e utilizzarli correttamente hanno e avranno un ruolo sempre più importante. Enel, nel fornire i propri servizi in tutto il mondo – ha proseguito Gallo – farà leva su digitalizzazione e convergenza, attraverso la diffusione e l’utilizzo delle più moderne tecnologie, sinergicamente con le economie locali. L’accordo con Cisco si sposa con la visione di gruppo, Open Power, che enfatizza l’apertura verso collaborazioni con le aziende più qualificate per lo sviluppo di nuove applicazioni e la diffusione della cultura digitale”.

“Tutti i progetti del nostro programma Digitaliani hanno al centro, alla pari, due elementi: le persone, con le loro competenze, e la tecnologia” ha aggiunto Agostino Santoni, Amministratore Delegato di Cisco Italia. “Per questo oltre a dare il meglio delle nostre capacità tecnologiche, ci impegneremo con ENEL nella formazione digitale: perché sarà il loro lavoro su questa infrastruttura strategica per il Paese ad assicurare l’energia sicura, disponibile per tutti e sostenibile”.

  • 14 Share

Aziende

Altri argomenti