Servono capitali freschi per le imprese innovative | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Startup

Servono capitali freschi per le imprese innovative

di Elita Schillaci

10 Mar 2014

Altri argomenti

È l’appello emerso dalla giornata organizzata dai business angel di Iban con lo studio legale Origoni&Partners. Il rischio non si può lasciare solo ai giovani per evitare di affondare tutti nella mediocrità dilagante

Elita Schillaci è Professore ordinario di Imprenditorialità, Nuove Imprese e Business Planning - Università di Catania
“Il nostro Paese sta morendo di mediocrità! Anche le parti migliori, e sono tante, affondano in questa mediocrità dilagante”. Come non essere d’accordo con Stefano Firpo, Capo della Segreteria Tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico, che venerdì 7 Marzo ha commentato alcune delle novità più salienti sulla normativa a sostegno delle StartUp innovative e degli investitori Business Angels nel corso dell’incontro  “Giornata di Academy” organizzata da Iban (Italian Business Angels Network Association) con lo Studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners.

I decreti attuativi relativi alla legge 221 del 18 dic. 2012 – in materia di Start Up Innovative” pare usciranno a giorni (sono alla firma della Corte dei Conti) e si spera produrranno importanti conseguenze pratiche sia per le Start Up già in portafoglio dei Business Angels, sia per i prossimi investimenti. Durante la giornata è stato affrontato anche il tema caldissimo dell’Equity Crowdfunding, commentandone lo stato dell’arte, i primi casi di applicazione pratica e luci e ombre del regolamento Consob.

Sono ancora poche nel nostro Paese le Start up registrate come innovative, ad oggi 1719, e tutte prevalentemente concentrate nel Nord e nel Centro Italia. Tuttavia, precisa Firpo, occorre capire beni i criteri, molti dei quali sono stati rivisti ed allentati e possono essere acquisiti, se le start up sono un po’ “smart”, praticamente da ogni nuova impresa capace di coniugare, ingegno, tecnologia e risorse qualificate, anche nei settori cosiddetti maturi.

Tomaso Marzotto Caotorta, Vice Presidente Iban, che ha moderato la giornata, ha sottolineato l‘importante rivoluzione in atto diretta a favorire gli investitori, tanto persone fisiche, quanto persone giuridiche, che godranno, le prime, di esenzioni fiscali del 19% e le seconde, del 20%. Queste percentuali, poi, nel caso di start up socialmente innovative, tra le quali rientrano anche quelle in campo energetico, vedranno tali percentuali aumentare al 25 ed al 27%. Anche questo un segnale importante da cogliere per un Paese che deve credere nella  crescente forza dell’innovazione sociale e nelle sue potenzialità future.

Tutti si sono ritrovati d’accordo nella necessità di favorire in tutti i modi l’apporto di capitali freschi verso le start up innovative. Dobbiamo condividere i rischi connessi con l’avvio di una nuova impresa; non relegare il rischio solo ai giovani. L’orientamento comune deve essere sempre più quello di una società “Risk Sharing”. Ed un governo che crede in questo motore pulsante e nei giovani deve essere capace di saper incentivare in modo intelligente, allentando la pressione fiscale sulle imprese giovani e comprendendo che, sostenendo una start up, si sostiene la sostenibilità della propria economia e del proprio futuro.

* Elita Schillaci è Professore ordinario di Imprenditorialità, Nuove Imprese e Business Planning – Università di Catania

Altri argomenti

Elita Schillaci

Articoli correlati