Ma tu faresti credito a uno che ti promette che risparmierà? | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Scenari economici

Ma tu faresti credito a uno che ti promette che risparmierà?

05 Feb 2015

O a uno che ti chiede di aiutarlo ad arricchirsi? La vittoria di Syriza in Grecia indebolisce la dittatura del pensiero unico pro-austerità e riapre il dibattito sui destini dell’Europa. Dove non bastano più gli slogan, ma servono soluzioni. E non certo “sconti”

Fabio Sdogati, docente di Economia internazionale al Politecnico di Milano

Con la vittoria di Syriza e l’ingresso sullo scenario del primo governo pro-crescita dell’Unione Economica e Monetaria (ed UE) si è aperto finalmente il dibattito sui destini di questa nostra Europa. Dibattito che fino al 26 gennaio scorso non poteva esserci, essendo tutti e 19 i governi dell’UEM schierati a favore dell’austerità; ora i duri e puri del pensiero economico e politico sofisticato, quelli del “i debiti si pagano”, si sono ridotti a 18, la dittatura del pensiero unico è spezzata, quel piccolo 1 ci consente di intraprendere un ragionamento. E forse anche un percorso. Vediamo perché.

La proposta degli austeri (i 18)
I debiti si pagano.


La proposta  del governo greco oggi (l’1)

0. “Io sono il Ministro delle Finanze di un paese in bancarotta”  (Yanis Varoufakis)

1. Ristrutturare il debito greco detenuto dalle istituzioni per avvantaggiarsi dei tassi più bassi prevalenti oggi sul mercato. Un’ipotesi potrebbe essere un debito perpetuo

2. Ristrutturare il debito greco detenuto dalle banche ancorandone il rendimento alla crescita del prodotto interno lordo nominale.

Due soli commenti

1. I puri e duri del ‘i debiti si pagano’ non sapevano, o facevano finta di non sapere, che l’economia greca è allo stremo. Adesso lo sanno.  Aspettiamo di vedere se saperlo li aiuterà a capire che occorre trovare soluzioni, non slogan;

2. Il Governo greco non sta affatto chiedendo ‘lo sconto’, come gli austeri sostengono

Redazione

Articoli correlati