DRIVERLESS CAR

Guida autonoma: Baidu lancia i primi robotaxi notturni senza guidatore



Ora a Wuhan le persone possono prendere i robotaxi di Baidu tra le 7:00 e le 23:00 senza necessità di conducenti di sicurezza al volante. È un nuovo passo avanti del colosso cinese dei motori di ricerca sulla tecnologia per la driverless car

Pubblicato il 27 Dic 2022


Baidu e i robotaxi

Baidu, il gigante cinese dei motori di ricerca che ha investito nell’intelligenza artificiale e nella tecnologia dei veicoli autonomi, sta facendo grandi passi avanti nella tecnologia per i suoi robotaxi e nella sua implementazione pratica tra gli utenti.

A partire dagli ultimi giorni di dicembre 2022, le persone possono guidare il robotaxi di Baidu a Wuhan tra le 7:00 e le 23:00 senza conducenti di sicurezza al volante. In precedenza, i suoi veicoli senza pilota potevano funzionare solo dalle 9:00 alle 17:00 in città. Lo schema aggiornato dovrebbe coprire un milione di clienti in alcune aree di Wuhan, una città di oltre 10 milioni di persone.

Baidu e i taxi senza conducente

A luglio 2022 il colosso cinese aveva presentato  un nuovo robotaxi completamente elettrico con l’intenzione di distribuirlo su larga scala in tutta la Cina. In quell’occasione i dirigenti avevano affermato che i recenti progressi nella produzione hanno ridotto i costi di produzione, consentendo all’azienda di costruire e gestire decine di migliaia di robotaxi su larga scala in megalopoli cinesi tra cui Pechino, Shanghai, Guangzhou e Shenzhen entro il prossimo anno.

WHITEPAPER
Progettare la mobilità sostenibile? Ecco come farlo sfruttando la Data Analytics avanzata
Automotive
Big Data

Ad agosto, Baidu ha iniziato a offrire corse di robotaxi completamente senza conducente, addebitando ai passeggeri le tariffe dei taxi. Nel terzo trimestre Apollo Go, l’app robotaxi dell’azienda, ha completato oltre 474.000 corse, in crescita del 311% anno su anno. Complessivamente, Apollo Go ha superato 1,4 milioni di ordini.

Robotica in crescita: le prossime scommesse sono i robotaxi e la microchirurgia

Come funzionano i robotaxi di Baidu

Come la maggior parte delle startup di veicoli autonomi, Baidu combina un mix di telecamere, radar e lidar di terze parti per aiutare le sue auto a vedere meglio in condizioni di scarsa visibilità, in contrasto con la soluzione basata sulla visione di Tesla.

Uno dei suoi punti di forza è il modello di linguaggio visivo per identificare oggetti nuovi o rari in scenari a coda lunga. L’IA è supportata da Wenxin, lo stesso grande modello che sostiene la sua piattaforma artistica text-to-image.

“Il modello consentirà ai veicoli autonomi di dare rapidamente un senso a un oggetto invisibile, come il riconoscimento di veicoli speciali (camion dei pompieri, ambulanza), il rilevamento errato di sacchetti di plastica e altri”, avevano spiegato i manager di Baidu in precedenza. “Inoltre, il modello di percezione della guida autonoma di Baidu, un sottomodello del WenXin Big Model, che sfrutta oltre 1 miliardo di parametri, è in grado di migliorare notevolmente il potenziale di generalizzazione della percezione della guida autonoma”.

Baidu ha già almeno un competitor in Cina: SAIC Mobility, startup che quest’anno ha raccolto $ 147,3 milioni in un round serie B. La società cinese, filiale della compagnia statale di automotive SAIC , punta a lanciare un servizio di robotaxi che dovrebbe operare in partnership con Momenta, azienda di auto a guida autonoma. Il lancio a Shanghai metterà SAIC Mobility in competizione con altri grandi player tra i quali, appunto, Baidu.

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!