Smart mobility, tutto sulla Vespa elettrica che sarà su strada da fine ottobre | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

DIGITAL TRANSFORMATION

Smart mobility, tutto sulla Vespa elettrica che sarà su strada da fine ottobre

27 Ago 2018

Piaggio inizierà a settembre la produzione nello stabilimento di Pontedera, dove è nato lo scooter più famoso del mondo. I primi esemplari saranno prenotabili solo online da ottobre. Il nuovo veicolo rappresenta il primo passo del Gruppo verso nuove frontiere di interconnettività tra persone e veicoli

L’innovazione? Meglio se green e a due ruote. A settembre il Gruppo Piaggio inizia la produzione della Vespa elettrica. L’innovazione green, dunque, secondo il gruppo, si concretizza attraverso il più iconico dei propri marchi, che ancora una volta stabilisce nuovi parametri per la mobilità urbana.

Vespa elettrica

Dove sarà prodotta la Vespa elettrica di Piaggio

La tanto attesa declinazione elettrica dello scooter più famoso e amato al mondo nascerà nello stabilimento di Pontedera, in  provincia  di  Pisa,  lo  stesso  dove  Vespa  nacque  nella  primavera  del 1946  e  che  oggi rappresenta una delle avanguardie tecnologiche mondiali per la progettazione, lo sviluppo e la produzione di soluzioni avanzate di mobilità.

Quando e come acquistare la Vespa elettrica di Piaggio

I primi esemplari saranno già prenotabili a inizio ottobre, solamente online attraverso un sito dedicato, con formule innovative di finanziamento all inclusive che si affiancheranno ai tradizionali sistemi di acquisto. Il prezzo sarà allineato alla fascia alta della gamma Vespa attualmente in commercializzazione.

Vespa Elettrica sarà quindi gradualmente immessa sul mercato a partire da fine ottobre per raggiungere la piena commercializzazione a novembre, in concomitanza col salone di Milano EICMA 2018, cominciando dall’Europa per poi essere estesa a Stati Uniti ed Asia a partire da inizio 2019.

Auto elettrica, tutto quello che c’è da sapere su tempi e costi di ricarica

Le caratteristiche tecniche della Vespa elettrica di Piaggio

Il cuore di Vespa Elettrica è una Power Unit in grado di erogare una potenza massima di 4 kW, valore che unito a una coppia motrice superiore ai 200 Nm, consentono di ottenere prestazioni superiori a quelle di un tradizionale scooter 50 cc, soprattutto per quanto riguarda l’accelerazione e lo spunto in salita che beneficia della tipica erogazione brillante dei motori elettrici. Ne scaturisce una guida agile e piacevole nei percorsi cittadini, in particolare alle bassissime velocità, tipiche dei contesti urbani congestionati, il tutto nel più assoluto silenzio: Vespa Elettrica è infatti silenziosa, contribuendo a rendere le città meno caotiche e più vivibili, contrastando l’inquinamento anche dal punto di vista acustico.

Vespa Elettrica garantisce una autonomia massima di 100 km, valore che non subisce grosse variazioni nella guida urbana, caratterizzata da frequenti “stop and go”: ciò è possibile grazie a una moderna batteria agli ioni di litio e a un efficiente sistema di recupero dell’energia

cinetica (KERS, Kinetic Energy Recovery System), che la ricarica nelle fasi di decelerazione. Le operazioni di ricarica sono quanto di più semplice si possa immaginare: la batteria agli ioni di litio, esattamente come quella che equipaggia i moderni smartphone, non necessita di particolari precauzioni. Per la ricarica è sufficiente svolgere il cavo situato nel vano sottosella, dove solitamente è situato il tappo del serbatoio carburante, e collegare la spina a una normalissima presa elettrica a muro, oppure a una delle colonnine di ricarica sempre più diffuse nelle grandi città. Il tempo standard necessario per una ricarica completa è pari a 4 ore.

A ulteriore conferma dell’estrema fruibilità di Vespa Elettrica, il motore e il pacco batterie non necessitano di alcun tipo di manutenzione. La batteria garantisce un’ottima efficienza fino a 1000 cicli di ricarica completi: ciò si tramuta in una percorrenza variabile tra i 70.000 e i 90.000 km, equivalenti a oltre dieci anni di utilizzo di un mezzo nato per il commuting urbano. Superati i mille cicli, la batteria conserva in ogni caso l’80% della sua capacità e rimane perfettamente utilizzabile. Situato sotto il vano portacasco, il compatto pacco batterie non compromette la funzionalità del vano sottosella di Vespa Elettrica, che può contenere un casco Jet.

Il comando dell’acceleratore elettronico Ride by Wire gestisce l’erogazione del motore di Vespa Elettrica. Agendo sul tasto RIDING MODE sul lato destro del manubrio, il guidatore può scegliere tra due modalità di guida: ECO e Power, alle quali si aggiunge la modalità Reverse, una retromarcia inseribile per facilitare la movimentazione di Vespa Elettrica durante le manovre. Nella modalità ECO, mirata al risparmio energetico, si ottiene una maggiore autonomia della batteria; la velocità è limitata a 30 km/h e l’accelerazione è più progressiva. Power è invece la modalità di guida base, nella quale viene sfruttata tutta la potenza del motore.

Tutta l’innovazione della Vespa elettrica: Piaggio verso la Smart Mobility

Non solo green. Vespa Elettrica rappresenta il primo passo del Gruppo Piaggio verso nuovi orizzonti di interconnettività smart tra veicoli e persone. Il nuovo mezzo a due ruote sarà predisposto per adottare nel prossimo futuro soluzioni attualmente in fase di sviluppo per Gita, il robot in realizzazione a Boston da Piaggio Fast Forward (e che entrerà in produzione a inizio 2019), quali sistemi di intelligenza  artificiale  con  comportamenti  adattivi  e  sensibili  a  ogni  input  da  parte  del conducente.   Riconosceranno   la   presenza   di   persone   e   veicoli   nelle   loro   vicinanze, contribuiranno alla capacità del conducente di anticipare potenziali rischi, segnaleranno il traffico e offriranno una alternativa per il tragitto, forniranno mappature istantanee che contribuiranno a migliorare la sicurezza e l’efficienza della circolazione urbana. Questa nuova generazione  di  veicoli  conoscerà  a  fondo  il  suo  proprietario:  lo  riconoscerà  in  modo automatizzato senza chiave o telecomando, anticiperà le sue abitudini, interagirà con altri devices e con gli altri veicoli in circolazione e permetterà un grado di personalizzazione della user experience che difficilmente riusciamo a immaginare oggi.

“Vespa Elettrica nasce come icona contemporanea della tecnologia italiana nel mondo” si legge in una nota dell’azienda. “Con l’adozione  dell’elettrico,  Vespa  si  afferma  ancora  più  fortemente  come  simbolo  di  stile coniugato al meglio dell’innovazione. Vespa Elettrica non è solo un nuovo scooter elettrico, ma un’opera d’arte del nostro tempo, con un cuore tecnologico, che nasce portando con sé tutti i valori del mondo di Vespa, la sua immagine, la sua anima social ed eco-friendly, ora ancor più sensibile alla qualità di vita del nostro ambiente urbano”.

“Vespa  Elettrica  vuol  dire  guida  facile,  anzi  naturale.  Significa  connettività  avanzata  e silenziosità, personalizzazione e accessibilità, valori che sono sempre appartenuti a Vespa e che oggi, in Vespa Elettrica trovano la loro totale realizzazione”.

 

Articoli correlati