Crisi da coronavirus: la cinese BYD rivende la sua tecnologia per l'auto elettrica | Economyup

PARTNERSHIP

Crisi da coronavirus: la cinese BYD rivende la sua tecnologia per l’auto elettrica



Colpita dalla crisi causata dal coronavirus, BYD, uno dei maggiori produttori di auto elettriche in Cina, ha deciso di proporre a competitor e nuovi entranti i suoi componenti per auto elettriche. Stipulata una partnership con Toyota

08 Apr 2020


Colpita dalla crisi causata dal coronavirus e reduce da una riduzione dei sussidi governativi, la compagnia cinese BYD, uno dei maggiori produttori di auto elettriche in Cina, ha deciso di mettere in vendita la sua tecnologia e ha stipulato una partnership con Toyota.

La tecnologia EV per gli altri player automotive

BYD  ha recentemente sofferto di tagli ai finanziamenti governativi e cali delle vendite. Per compensare l’andamento negativo, mette in vendita a competitor e nuovi entranti nel settore componenti e tecnologie di  sua produzione.

La sua offerta include un’ampia gamma di componenti EV, tra cui batterie elettriche, motopropulsori e luci. Inclusa anche la nuova Blade Battery, di sua recente produzione, una batteria più compatta e molto più resistente a rischi di incendio o esplosione della tradizionale batteria al litio.

Il nuovo business model prenderà il nome di FinDreams e avrà cinque sussidiarie: FinDreams Vision, FinDreams Technology, FinDreams Moduling, FinDreams Battery, eFinDreams Powertrain.

BYD e Toyota insieme per l’auto elettrica

Call4Startup
Hai un progetto innovativo in area Energy? La Responsabilità sociale al centro della Call4Startup

Come annunciato la scorso novembre, BYD ha stipulato con Toyota una joint venture, BYD Toyota EV Technology, ora entrata ufficialmente in business.

Obiettivo della collaborazione è la produzione per Toyota di nuove auto elettriche in linea con il programma NEV (New Energy Vehicle) del governo cinese.

“Con gli ingegneri di BYD e Toyota a lavorare insieme sotto lo stesso tetto” ha commentato  il presidente Hirohisa Kishi, “puntiamo a sviluppare BEV dalle performance superiori che possano rispondere ai bisogni dei clienti in Cina, unendo i punti di forza delle due compagnie e stimolando un’amichevole rivalità”.

Il CEO Zhao Binggen, ha aggiunto “Questa joint venture si concentrerà sulla ricerca e sviluppo di veicoli a batteria elettrica con la tecnologia e il know-how di Cina e Giappone combinati. La compagnia si impegna a promuovere e creare tecnologie d’alta qualità che renderanno i veicoli elettrici più eco-friendly, sicuri, comodi ed intelligenti. La nostra vision è di creare uno stile di mobilità di tipo costumer-first, e una società armoniosa per uomini e natura”.