Wib,come trovare 500mila euro in 48 ore | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Crowdfunding

Wib,come trovare 500mila euro in 48 ore

10 Lug 2013

La start up siciliana, che ha sviluppato un distributore automatico per prodotti di ogni formato, è il primo “successo” dell’accordo tra Italia Start Up, l’Associazione no profit che rappresenta l’ecosistema italiano delle startup, e SiamoSoci.com, una delle prime piattaforme italiane che permette l’incontro tra investitori e startup

 Wib (Warehouse in a Box), è una start up con sede a Palermo, che ha sviluppato il primo distributore automatico di prodotti di consumo in grado di gestire articoli senza vincoli di forma e dimensione, permettendo ai retailer di implementare punti vendita sempre aperti, completamente automatici e controllabili via web, con investimenti e costi di gestione contenuti.

Wib, Warehouse in a Box
Wib ha pubblicato il proprio profilo alle 16.30 di giovedì 27 giugno su SiamoSoci.com, aggiungendo il proprio business plan, la descrizione del team e tutti i documenti che permettessero una reale valutazione del progetto.  L’obiettivo era poter raccogliere un primo round di investimenti pari a 400.000€ che consentisse l’avvio della produzione delle prime macchine.
Sabato 29 giugno, a sole 48 ore dalla pubblicazione del proprio profilo, Wib aveva già raccolto manifestazioni di interesse all’investimento da 15 investitori per un totale di 530.000€, importo superiore a quello inizialmente richiesto.

Un risultato eccellente, merito dell’accordo tra Italia Start up, l’Associazione no profit che rappresenta l’ecosistema italiano delle startup e SiamoSoci.com, uno dei primi portali italiani di crowdfunding, che permette agli investitori e alle imprese di trovare le startup su cui investire, ottenendo tutte le informazioni necessarie per valutarle e selezionarle.

Grazie alla partnership con SiamoSoci.com”, afferma Federico Barilli, Segretario Generale di Italia StartUp, “la nostra associazione sottoscrive un nuovo importante accordo con un soggetto qualificato che svolge un ruolo di sostegno alle startup, facendole entrare in contatto con il mondo degli investitori e delle imprese. Il focus di SiamoSoci quale riferimento per il mondo dei capitali è perfettamente allineato con gli scopi associativi che includono il confronto, lo scambio di servizi e il networking tra soggetti della filiera. Quest’ultima è composta da startup e da investitori istituzionali ma anche da imprenditori, famiglie industriali  e singoli investitori (familiy and friend) che credono nelle aziende giovani e innovative, investendo sul loro futuro e su quello del Paese. Uno degli obiettivi primari dell’Associazione Italia Startup è, infatti, far sì che gli imprenditori ricevano in cambio non solo potenziali ritorni finanziari, ma anche nuovi modelli industriali e produttivi. Un mecenatismo sano e intelligente che può agevolare lo sviluppo industriale italiano, creando nuovi e qualificati posti di lavoro.

I risultati sono importanti e lasciano presagire sviluppi molto promettenti che metteranno le ali alle start up.

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati