Unicorni, tutte le startup che nel 2017 hanno superato 1 miliardo di valore | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Top 25

Unicorni, tutte le startup che nel 2017 hanno superato 1 miliardo di valore

27 Lug 2017

Dominano Cina (che vanta la new entry con il valore più alto) e Usa, mentre arranca l’Europa. Dall’healthcare ai trasporti, fino alle tecnologie aerospaziali, ecco chi sono e cosa fanno le nuove stelle globali dell’imprenditoria innovativa

Con ben 12 miliardi di dollari di valutazione è cinese la prima startup entrata nel club degli unicorni del 2017. Toutiao guida la classifica delle magnifiche venticinque, i nuovi arrivi nel mondo startup che hanno superato la valutazione di 1 miliardo di dollari e che possono fregiarsi dell’ambìto titolo di unicorno. Da non confondersi con le giovani imprese innovative più valutate in assoluto, con Uber in testa alla classifica, seguita da Xiaomi e DiDi Chuxing.

Dall’healthcare ai trasporti, passando per lo sviluppo di software fino ad arrivare alle tecnologie aerospaziali: tra le new entry miliardarie spiccano come al solito gli Stati Uniti, con 16 startup in lista (quasi tutte provenienti dalla California, tra Palo Alto, Menlo Park e San Jose). Ma la Cina incalza con 8 aziende tra Pechino e Shangai. Fanalino di coda l’Europa, con un’unica startup presente, Improbable (realtà londinese di cui vi avevamo già parlato qui).

>Unicorni, cavalli e muli (e la quarta F)

Benché oltre il 60% degli unicorni sia made in Usa, il primato per i valori più elevati spetta indubbiamente alla Cina: escludendo l’americana Outcome Health (al secondo posto con 5,5 mld) tre delle prime quattro startup sono cinesi, Toutiao, Mobike e Nio con un valore rispettivamente di 12, 3 e 2,8 miliardi di dollari.

 

Ecco una piccola panoramica sui 25 nuovi unicorni del 2017:

  • Letgo: un’app mobile gratuita che permette di acquistare e vendere oggetti di seconda mano
  • Zhihu: un portale di question & answer in cui domande e risposte sono editate e organizzate dalla community stessa del sito (in cinese Zhihu significa “Lo sai?”)
  • Zoom: azienda che fornisce servizi per conferenze da remoto tramite cloud computing
  • UrWork: uno spazio di lavoro condiviso ed erogatore di servizi per startup con sede a Pechino
  • Mobike: servizio di bike sharing per muoversi più agevolmente tra il traffico delle metropoli cinesi, appoggiandosi alle varie aree parcheggio presenti nelle città
  • C3IoT: azienda che sviluppa soluzioni di Internet of Things nel settore energetico
  • Nio: car-company che punta ad innovare il mercato automotive con veicoli elettrici e autonomi
  • Ofo: un altro servizio di bike sharing che punta a risolvere il problema della congestione del traffico per le strade cinesi
  • Rocket Lab: società che si occupa dello sviluppo e della produzione di razzi e di tecnologie aerospaziali
  • Toutiao: piattaforma di news e informazione che opera tramite un sistema di intelligenza artificiale il quale, analizzando i contenuti e le interazioni degli utenti, genera una lista di feed specifica per ognuno di loro
  • Robinhood: compagnia che offre un’app che permette di investire in borsa senza pagare alcuna commissione
  • Katerra: startup che si occupa di sviluppo, progettazione, design e costruzione di edifici: punta a tagliare i costi e i tempi produttivi senza intaccare qualità e sostenibilità dei progetti
  • Quora: social dedicato all’informazione in cui gli utenti possono pubblicare domande e risposte di qualunque tipo (raccolte per argomento), votare le altre risposte e aggiungere commenti
  • Rubrik: azienda nel mercato del Cloud Data Management che sviluppa un’innovativa piattaforma di organizzazione dati
  • Clover: startup con base a San Francisco che utilizza l’analisi dei dati e la prevenzione medica (o profilassi) per migliorare il servizio assicurativo sanitario
  • Improbable: società inglese che si occupa di cloud computing e in particolare di simulazione virtuale, sviluppando tecnologia che consente la creazione di simulazioni massicce o “mondi virtuali” a un livello di scala e di complessità computazionale molto ampio
  • Symphony: azienda che sviluppa un servizio di comunicazioni cloud per l’organizzazione di team, gruppi di lavoro e personale aziendale
  • CrowdStrike: startup americana di cybersecurity con sede a Irvine, in California, operante in più di 170 paesi
  • Peloton: compagnia che progetta e produce cyclette in grado di unire tecnologie all’avanguardia e design innovativo
  • Yuanfudao: software educativo e piattaforma che fornisce corsi e servizi di tutoraggio
  • Outcome Health: startup made in Usa che offre servizi e tecnologie innovative in ambito sanitario
  • Essential: azienda high-tech incentrata su dispositivi mobile e home devices
  • Avidxchange: società di software finanziari che sviluppa servizi per facilitare i pagamenti delle aziende e ridurre al minimo l’utilizzo della carta
  • Qingcloud: startup con sede a Pechino che genera servizi di cloud computing
  • View: compagnia americana incentrata sulla produzione di vetro che ottimizza la fruizione di luce naturale riducendo calore e bagliori

Alessio Spinelli

Project Manager della startup LongTake, dal 2017 è iniziata la mia avventura con EconomyUp e University2Business, entrambe del Gruppo Digital360. Collaboro con testate d'ambito cinematografico, da sempre la mia passione.

Articoli correlati