Tok.tv, 5 milioni di dollari per il social dello sport | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

investimenti

Tok.tv, 5 milioni di dollari per il social dello sport

01 Apr 2016

La startup italiana con sede in Silicon Valley permette ai tifosi di chattare durante le partite di calcio. Ha chiuso il primo round di finanziamento grazie a un gruppo di investitori americani, europei e asiatici. Ha oltre 8 milioni di utenti e partnership con i grandi club del calcio (Barcellona, Real, Juve e l’app della Serie A)

TOK.tv, la startup che consente ai tifosi di chattare in vivavoce durante le partite di calcio e che ha accordi con i grandi club dello sport più amato (Barcellona, Real Madrid, Juventus e l’app della Serie A TIM), ha annunciato di aver chiuso il suo primo round di finanziamento da 5 milioni di dollari con investitori del calibro di Angel Lab, Techstars, Social Starts, XG Ventures, U-Start Club, IAG, JetVentures, TEEC Angel Fund and Heyi Capital.

Startup, tutti gli investimenti di marzo

Proprio questo weekend TOK sarà uno dei protagonisti di uno dei più grandi match del calcio mondiale, la sfida tra Real e Barcellona: gli 8 milioni di utenti (frutto di una crescita straordinaria: 12 mesi fa erano solo 500mila) potranno parlarsi semplicemente utilizzando il TOK Social Button sull’app della propria squadra, inviando anche cori da stadio e selfie.

E se nell’ultimo anno la startup con sede in Silicon Valley è riuscita a espandersi in Italia e in Europa, l’obiettivo per il futuro è ancora più ambizioso: i finanziamenti ottenuti con il round appena concluso saranno utilizzati soprattutto per espandere il social network negli Stati Uniti, che già ora sono il secondo Paese di provenienza degli utenti grazie alla crescente popolarità del calcio a stelle e strisce, includendo popolarissimi negli States come il baseball. Scommettendo sul fatto che i tifosi preferiscano usare un social network dedicato come TOK.tv piuttosto che commentare l’andamento delle partite su Facebook o Twitter, ambienti magari più popolari ma anche decisamente più generalisti.

“Negli ultimi dodici mesi – spiega il CEO di TOK.tv, Fabrizio Capobianco, già fondatore di Funambol – abbiamo visto un’incredibile crescita grazie alla partnership con le più importanti squadre di calcio del mondo. Ora siamo felici di portare questa esperienza negli Stati Uniti, dove ha base la nostra azienda. Sappiamo che la nostra piattaforma vocale è perfettamente utilizzabile per gli sport americani perché è proprio lì che abbiamo condotto i nostri primi test: il gioco è social per definizione, e ci sono significanti opportunità per mostrare pubblicità durante le pause della partita. E stiamo cercando di accordarci con le squadre e le leghe americane in modo che i loro fan possano godersi le partite assieme anche quando sono lontani”.

 

di Concetta Desando

Articoli correlati