Think4South, 15mila euro per le startup del Sud | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

opportunità

Think4South, 15mila euro per le startup del Sud

di Redazione EconomyUp

18 Feb 2015

C’è tempo fino al 15 maggio per partecipare alla call lanciata da Groupama Assicurazioni e rivolta alle startup meridionali (sede legale in Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) che abbiano un progetto innovativo sulla prevenzione del rischio. In palio un contributo economico e un programma di accelerazione in Luiss Enlabs

Trovare risposte innovative alle sfide sociali, economiche e tecnologiche del 21esimo secolo per aiutare le città del Mezzogiorno a cogliere in queste sfide opportunità di crescita. È questo l’obiettivo di Think4South, la call per startup del Sud Italia lanciata da Groupama Assicurazioni in collaborazione con importanti partner delegati al mondo della prevenzione del rischio e della tecnologia finalizzata a premiare e supportare progetti innovativi in grado di offrire nuove soluzioni per la prevenzione e contribuire a diffondere una cultura di gestione del rischio.

L’obiettivo è premiare e aiutare a crescere startup meridionali che siano in grado di sviluppare prodotti e servizi di prevenzione del rischio e che abbiano un forte impatto innovativo, a partire dall’uso delle nuove tecnologie (web, mobile, internet of thinks).

Fino al 15 maggio i giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni residenti nelle regioni del Sud Italia (Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) e le startup costituite nel corso dell’anno 2014 e con sede legale nelle stesse regioni possono candidarsi sul sito di Think4South e presentare un progetto relativo a una delle quattro categorie: cambiamento climatico (prodotti, servizi e soluzioni tecnologiche che contribuiscano a diffondere una cultura della prevenzione, condivisione o gestione del rischio in particolare nell’ambito dell’adattamento al cambiamento climatico e all’intensificarsi delle catastrofi naturali), rischi sanitari (prodotti, servizi e soluzioni che rispondano in modo innovativo ai mutamenti dei bisogni assistenziali e sanitari), valorizzazione delle risorse del territorio (prodotti, servizi e soluzioni per favorire l’utilizzo e la valorizzazione di risorse sottoutilizzate siano essi spazi, oggetti o competenze), mobilità e sicurezza (prodotti, servizi e soluzioni per innovare la mobilità delle persone, migliorando la sicurezza sulla strada, la vivibilità delle città, la qualità della vita dei cittadini).

In palio un contributo economico del valore di 15mila euro da utilizzare come base di investimento per lo sviluppo del progetto e la possibilità di partecipare al programma di accelerazione della durata di 5 mesi all’interno di Luiss Enlabs, l’acceleratore dell’Università Luiss Guido Carli di Roma.

Redazione EconomyUp

Articolo correlato