Scaleup, Moneyfarm compra Vaamo ed entra nel mercato tedesco | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INTERNAZIONALIZZAZIONE

Scaleup, Moneyfarm compra Vaamo ed entra nel mercato tedesco

20 Nov 2018

La società italiana, partecipata da Allianz, acquisisce il primo gestore patrimoniale digitale indipendente ad aprire in Germania nel 2014, oggi tra i principali robo-advisor del Paese. “Siamo una delle pochissime aziende italiane di servizi che sta perseguendo la via dell’espansione continentale”, dice l’AD Giovanni Daprà

Una tra le scaleup italiane di maggior successo compie un passo deciso verso lo sviluppo in Europa.  Moneyfarm, società di gestione digitale del risparmio attiva in Italia dal 2012 e nel Regno Unito dal 2015, entra nel mercato tedesco attraverso l’acquisizione del robo-advisor Vaamo, con base a Francoforte, che è stato il primo gestore patrimoniale digitale indipendente ad aprire in Germania nel 2014, ed è oggi tra i principali robo-advisor attivi nel paese.  Adesso l’operazione è al vaglio dell’autorità di vigilanza tedesca BaFin.

Moneyfarm, la strategia di espansione internazionale

L’operazione si inserisce nella strategia di espansione internazionale di Moneyfarm e rappresenta per la società l’ingresso nel terzo mercato europeo dopo l’Italia (2012) e il Regno Unito (2015). Dal 2016 uno dei principali soci è il gruppo finanziario tedesco Allianz che, nel maggio 2018, ha guidato un round di investimento per una valore di 46 milioni di euro.

L’acquisizione di Vaamo favorirà inoltre l’ulteriore ampliamento di prodotti e servizi B2C e il consolidamento del segmento B2B con l’offerta di soluzioni digitali a importanti istituti finanziari europei. ”Siamo l’unica società digitale di gestione del risparmio e una delle pochissime aziende del settore dei servizi in Italia che sta perseguendo la via dell’espansione continentale”, dice Giovanni Daprà, Co-fondatore e AD di Moneyfarm, “Crediamo che questo ci darà nel medio-lungo termine un importante vantaggio competitivo”.

Che cos’è e che cosa fa Vaamo

Vaamo, fondata nel 2013, è stata la prima società di consulenza finanziaria online in Germania ed è oggi tra i principali robo-advisor attivi nel paese. Con questa operazione Moneyfarm acquisisce il know-how commerciale e le skills del team Vaamo: elementi che contribuiranno allo sviluppo delle attività B2C per il mercato tedesco così come le competenze B2B che Vaamo si porta in dote grazie all’esperienza acquisita negli ultimi anni attraverso partnership con istituzioni finanziarie del calibro di N26 e 1822direkt, la sussidiaria online di una delle principali banche di investimento tedesche. “Vaamo si è rivelata uno scrigno di competenze preziose”, spiega Daprà. “Thomas e Oliver hanno guidato un team piccolo ma estremamente competente e hanno piantato radici molto profonde nel territorio tedesco di cui non potremo che beneficiare”. “Questa acquisizione segna una nuova fase di crescita per entrambi”, aggiungeThomas Bloch, Co-fondatore di Vaamo. “Unendo l’esperienza e la leadership europea di Moneyfarm alla solida presenza che abbiamo costruito nel mercato tedesco, potremo offrire una consulenza finanziaria ancora migliore ai nostri clienti e dare un’accelerata importante al nostro percorso di espansione pan-europea”.

Fintech, quanto vale il mercato tedesco

I tedeschi sono tra i più grandi risparmiatori al mondo, con il 9% del reddito accantonato ogni anno (contro il 2,4% degli italiani e un risparmio lordo sul Pil del 28% (contro il 20% degli italiani). Oggi il segmento robo-advisory in Germania vale 4 miliardi di euro di AUM (+122% anno su anno) contro i 500 milioni di euro italiani (+146% anno su anno). Da qui al 2022 in Germania è prevista una crescita annuale del 57% (per toccare i 24 miliardi di euro di AUM) contro una ancor più buona stima di crescita annuale anche per l’Italia del 69% (4 miliardi di euro di AUM). A livello globale, nel 2018 il mercato principale rimane quello USA con un totale di asset investiti “digitalmente” pari a 283 miliardi di dollari.

 

 

 

 

 

Articoli correlati