Nasce B Heroes, il nuovo progetto di Fabio Cannavale per aiutare imprenditori e startup | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STARTUPBUSINESS

Nasce B Heroes, il nuovo progetto di Fabio Cannavale per aiutare imprenditori e startup



Dodici progetti parteciperanno al programma di accelerazione lanciato dall’imprenditore. Avrà una durata di quattro mesi, da gennaio a maggio, e il vincitore riceverà un investimento di almeno 500mila euro sotto forma di convertible bond. A B Heroes sarà inoltre dedicato un programma televisivo sul canale Nove

27 Ott 2017


Da Shark Tank a B Heroes: Fabio Cannavale prova ancora a portare le startup in tv. Lo farà grazie al nuovo progetto di Last minute Foundation, B Heroes appunto, creato per accrescere la cultura e le opportunità per chi fa impresa innovativa. «Il progetto nasce come nuovo tassello della volontà di continuare ad aiutare gli imprenditori – ha spiegato a Startupbusiness Fabio Cannavale Ceo di lastminute.com Group – è una cosa che a me sta molto a cuore, tanto che fino a oggi ho investito in oltre 40 startup e con B Heroes abbiamo in mente di replicare il modello di Endeavor, che è nostro partner nel progetto, pensato per aziende in una fase di sviluppo un po’ meno matura”.

Come spiega Startupbusiness, B Heroes è al momento in fase di lancio, selezionerà le startup per gradi, scegliendone prima 30 tra quelle che faranno application da cui saranno poi individuate le 12 che parteciperanno al programma di accelerazione che avrà una durata di quattro mesi, da gennaio a maggio, al cui termine la startup che sarà ritenuta migliore riceverà un investimento di almeno 500mila euro sotto forma di convertible bond. L’iniziativa avrà inoltre anche copertura televisiva attraverso un programma in cinque puntate che seguirà il percorso di accelerazione.

Continua a leggere su Startupbusiness

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link