La legge sul geo-blocking che salverà le startup dell'ecommerce | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Europa digitale

La legge sul geo-blocking che salverà le startup dell’ecommerce



Dal 25 maggio la Commissione Europea ha avanzato una proposta di regolamento sulle misure di impedimento legate al commercio elettronico in Europa. L’obiettivo è la creazione del mercato unico europeo in ambito digitale

di Redazione EconomyUp

07 Lug 2016


Avete mai sentito parlare di geo-blocking? Si tratta dell’impossibilità di accedere a specifici contenuti della rete a causa di sistemi quali ad esempio il “re-indirizzamento” ad un altro sito, o l’applicazione di differenti condizioni di accesso a prodotti o servizi online. Dal 25 maggio la Commissione Europea ha avanzato una proposta di regolamento sul “geo-blocking” e altre misure di impedimento legate al commercio elettronico in Europa. L’obiettivo della proposta è la creazione del mercato unico europeo in ambito digitale.

Il geo-blocking, tra l’altro, crea non pochi danni alle piattaforme di e-commerce, che vedono frenare l’acquisto online di prodotti nonché la fornitura di servizi nazionali all’interno dell’Unione. E i danni colpiscono anche startup e pmi che operano nel settore.

Continua a leggere su Startupbusiness

Redazione EconomyUp