Intelligenza artificiale: il machine learning può rivoluzionare l'agricoltura | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

DOMANI ACCADRÀ

Intelligenza artificiale: il machine learning può rivoluzionare l’agricoltura



Un big delle macchine agricole, John Deere, ha acquisito Blue River Technology, startup californiana che propone “see and spray”, tecnologia in grado di identificare ciascuna pianta e capire come trattarla. La conferma che l’innovazione trasformerà il settore. E l’Italia, terza potenza agricola della UE, dovrà tenerne conto

di Cristina Pozzi

20 Set 2017


La notizia

John Deere, una delle principali aziende al mondo produttrice di macchine agricole, ha acquistato Blue River Technology, una startup californiana che realizza strumenti di machine learning per l’agricoltura.

La tecnologia chiave del Blue River è chiamata “see and spray”, un insieme di macchine fotografiche che si fissano sugli spruzzatori delle colture e utilizzano il machine learning per identificare le piante e capire cosa spruzzare.

 

Perchè è importante

L’agricoltura è un settore che verrà rivoluzionato sotto tantissimi aspetti nei prossimi anni per l’effetto combinato di diverse tecnologie.

Genetica e OGM, crioconservazione dei cibi per una conservazioni di lunghissima durata che potrebbe cambiare completamente l’approccio alla stagionalità, mezzi e trattori a guida autonoma, droni e altri strumenti utili per fornire alle piante e alle coltivazioni acqua e insetticidi in modo più efficiente ed efficace sono solo alcune delle novità che possono aumentare sensibilmente la resa delle coltivazioni e cambiare completamente l’approccio avuto fino ad oggi.

Questo è particolarmente importante per il nostro Paese che dipende in larga parte dal settore agricolo e che sviluppa un fatturato di oltre 43 miliardi di euro (2013), rappresentando la terza potenza agricola dell’Unione Europea (dati Eurostat 2015 Agriculture, forestry and fishery statistics).

Da un lato ci sono opportunità da cogliere in questo settore, dall’altro, sarà proprio l’Italia uno dei paesi su cui l’impatto sui posti di lavoro e sulla tipologia di mansioni utili nel settore sarà più forte.

Cristina Pozzi

Co-founder e Amministratore Delegato di Impactscool. Speaker, Advisor e Angel Investor. In passato è stata co-fondatore e Direttore Generale di Wish Days