Imprenditore dell'anno, parte la selezione per il Premio EY | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Il contest

Imprenditore dell’anno, parte la selezione per il Premio EY

05 Apr 2017

Almeno 3 anni di vita e 25 milioni di fatturato: sono i requisiti per partecipare alla competizione promossa dalla società internazionale di consulenza, vinta nel 2016 da Federico Marchetti di Yoox. C’è anche un “Premio Start up” per società costituite in Italia da non più di 5 anni

Riparte il Premio L’Imprenditore dell’Anno, riconoscimento promosso da EY, società impegnata a livello mondiale nei servizi professionali di revisione e organizzazione contabile, fiscalità, transaction e advisory.

Da oggi fino al 30 giugno uomini e donne alla guida di aziende attive da almeno 3 anni, con sede legale in Italia e con un fatturato minimo di 25 milioni di euro, potranno proporre la propria candidatura.

Il Premio, giunto in Italia alla sua XXI edizione, valorizza gli imprenditori che si sono distinti per aver saputo sviluppare business di successo; imprenditori capaci di ispirare gli altri tramite la propria vision e leadership e di raggiungere risultati considerevoli.

Donato Iacovone, Amministratore Delegato di EY in Italia e Managing Partner dell’area Mediterranea, ha dichiarato: “Da più di vent’anni attraverso il Premio valorizziamo la capacità degli imprenditori italiani di interpretare le sfide del futuro attraverso innovazione, visione strategica e internazionalizzazione, perché possano essere di esempio per il tessuto economico del Paese. La sua storia ci dimostra come lo scenario, in questi anni, sia profondamente cambiato. L’innovazione, in particolare, è una leva fondamentale di sviluppo, sia nella organizzazione dei processi che nella implementazione di soluzioni basate sul digitale”.

Spirito imprenditoriale, innovazione, visione strategica, responsabilità individuale e sociale d’impresa: questi alcuni dei criteri per l’analisi e la selezione delle candidature, valutate da una giuria di alto profilo professionale, composta da rappresentanti del mondo delle istituzioni, dell’economia e dell’imprenditoria.

La storia del Premio dimostra come il nostro Paese sia ricco di imprenditori di talento che grazie alla loro intraprendenza, creatività e impegno hanno saputo anticipare i cambiamenti del mercato, trasformando le sfide in opportunità: dal primo vincitore nazionale dell’edizione italiana Paolo Della Porta, l’allora Presidente di Saes Getters S.p.A., passando per Nerio Alessandro, presidente di Technogym S.p.A, vincitore del 2003, a Brunello Cucinelli, Presidente e Amministratore Delegato dell’omonima azienda, vincitore del 2009, a Alberto Bombassei, Presidente di Brembo, vincitore del 2012, fino a Federico Marchetti, Amministratore Delegato di YOOX NET-A-PORTER GROUP, Imprenditore dell’Anno 2016. Questi sono solo alcuni degli imprenditori premiati in questi 20 anni, scelti per aver saputo valorizzare l’eccellenza italiana attraverso il miglior utilizzo strategico delle opportunità e delle leve offerte dall’economia a livello nazionale e internazionale.

Federico Marchetti: “In Italia non vedo ancora una nuova YOOX”

Nato negli Stati Uniti nel 1986, Il Premio si è svolto per la prima volta nel nostro Paese nel 1997, registrando di anno in anno una crescita costante per prestigio e notorietà, arrivando oggi a coinvolgere 150 città e 65 Paesi.

A dimostrazione della sempre maggiore attenzione di EY ai giovani talenti, nel 2015 è stato istituito il “Premio Start up”, nato per dare visibilità a giovani brillanti che, partendo da un’idea originale, sono riusciti a dar vita ad un’impresa proponendo al mercato nuovi prodotti, nuovi processi e nuovi servizi.

Possono partecipare al Premio Start up:
-Il/i fondatore/i della società e comunque in prima persona il responsabile dei risultati dell’azienda
-solo società con sede legale in Italia;
-solo società attive da non più di 5 anni che abbiano sviluppato un’idea di business innovativa.

Criteri di valutazione per l’analisi delle candidature
Tutti i candidati saranno valutati da una giuria composta sia da rappresentanti EY, sia da esponenti della business community, sulla base dei seguenti criteri:
1.Attualità del business: Analisi dell’idea imprenditoriale (business idea) attraverso il livello di innovazione, la scalabilità e l’incontro dei bisogni del mercato;
2.Opportunità di mercato e potenziale di crescita: Vision, prospettive di mercato e analisi dei funding ricevuti
3.Prodotto/Servizio e Tecnologia: Indagine sul valore aggiunto offerto sul mercato dal servizio/prodotto, valore sociale sull’intera supply chain e alla tecnologia utilizzata.

Nel 2016, per l’Italia, il vincitore del Premio Start up è stato Andrea Pizzarulli, Amministratore Delegato di Civitanavi Systems. Finalisti: Antonio Cianci, fondatore di Advanced Materials (Airlite): e Alberto Dalmasso, CEO, Dario Brignone, IT & Organization Director, e Samuele Pinta, COO di Satispay.

Nel 2015 ha vinto la squadra di Musement: Claudio Bellinzona, Paolo Giulini, Alessandro Petazzi e Fabio Zecchini. Finalisti Marco Magnocavallo di TannicoGian Luca Petrelli di BeMyEye.

Luca Pellizzoni, Partner EY, Responsabile Italiano del Premio L’Imprenditore dell’Anno in Italia, ha commentato: “Il Premio è ormai diventato un appuntamento consolidato per il mondo imprenditoriale, a livello nazionale e internazionale. Con il supporto di una giuria indipendente di altissimo profilo professionale, composta da rappresentanti appartenenti al mondo delle Istituzioni, dell’economia e dell’imprenditoria, siamo certi che anche quest’anno individueremo e premieremo donne e uomini di comprovato talento e successo, che hanno dimostrato intraprendenza, creatività e impegno senza eguali e che oggi meritano un riconoscimento che li valorizzi ancora di più. Come EY, siamo orgogliosi del nostro contributo al processo di valorizzazione delle eccellenze imprenditoriali italiane.”

I Vincitori di categoria assieme al Vincitore Nazionale della XXI edizione saranno proclamati nel corso di una cerimonia che si terrà a Milano nel mese di novembre, presso Palazzo Mezzanotte, sede di Borsa Italiana.

Per iscriversi e avere maggiori informazioni si può visitare il sito.

Anche per questa edizione, l’imprenditore italiano che si aggiudicherà il titolo di Vincitore Nazionale avrà la possibilità di competere per l’assegnazione del titolo di Best of the Best, durante il “World Entrepreneur Of The Year”, evento che si terrà a giugno del 2018 a Montecarlo.

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati