Il Ceo N.1 della Silicon Valley? È la miliardaria del bio-tech Elizabeth Holmes | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La classifica

Il Ceo N.1 della Silicon Valley? È la miliardaria del bio-tech Elizabeth Holmes

17 Lug 2015

Business Insider diffonde la lista dei 38 Chief Executive Officer più “cool”: al primo posto l’Ad di Theranos, società che ha sviluppato nuovi approcci ai test diagnostici. Medaglia d’argento per Travis Kalanick di Uber. Tim Cook di Apple al terzo posto. Ma l’elenco è lungo: dai big internazionali alle new entry

Elizabeth Holmes, Ceo di Theranos
È un’avvenente bionda miliardaria la Ceo “numero uno” della Silicon Valley secondo la testata tecnologica Business Insider: si chiama Elizabeth Holmes, nel 2003, quando frequentava il secondo anno di università a Stanford, ha fondato la società biotech Theranos, che attualmente vale 9 miliardi di dollari, ed è la più giovane miliardaria degli Usa con un patrimonio di 4,6 miliardi. Theranos deve la sua notorietà, e anche qualche critica, all’aver sviluppato nuovi approcci ai test diagnostici di laboratorio attraverso un diverso utilizzo dei campioni di sangue. A incoronare Holmes è la classifica elaborata dalla testata Business Insider sui 38 Ceo più influenti, innovativi e interessanti della Silicon Valley nel 2015.

Medaglia d’argento per Travis Kalanick, il Ceo di Uber, company spesso presa da mira da tassisti ed enti regolatori ma che resta pur sempre la società privata con la più alta valutazione al mondo (di recente ha superato quota 50 miliardi).

Il rampante imprenditore ha superato persino Tim Cook, timoniere di Apple, che si è guadagnato il terzo posto e le simpatie della Silicon Valley per il coming out riguardante la sua omosessualità.

Il numero 4 della lista è Jack Dorsey, che vi appare in duplice veste: come Ceo ad interim di Twitter dopo le dimissioni di Dick Costolo e come capo di Square, Già alcuni si chiedono come farà a guidare contemporaneamente le due aziende multi-miliardarie (Square, tra l’altro, ha annunciato l’intenzione di quotarsi in Borsa), ma forse proprio per questo ha conquistato una buona posizione in classifica.

Al quinto posto c’è Renaud Laplanche di Lending Club, uno dei principali marketplace online al  mondo nel settore dei prestiti tra privati, seguito da Nick Woodman di GoPro, società che produttrice di speciali videocamere, e da Marc Benioff, selfmade man alla testa di Saleforce, che di recente ha assicurato di voler retribuire in modo paritario uomini e donne.

Ottavo posto per Stewart Butterfield, Ceo di Slack, un’applicazione per usi lavorativi che consente chat private e collettive, condivisione di file e lavoro di gruppo.  Gli ultimi due amministratori delegati della Top Ten sono Aaron Levie di Box, che offre magazzino online e strumenti di collaborazione su documenti per le imprese, e Mikkel Svane di Zendesk, società di software per servizio ai clienti cloud-based.

Tra gli altri 28 della classifica elaborata da Business Insiderqui la lista completa – figurano diversi personaggi  della Silicon Valley  molto noti a livello internazionale. Solo per fare qualche nome c’è Elon Musk di SpaceX e Tesla Motors (12esimo posto), innamorato di energia solare e sistemi di trasporto superveloci; Mark Zuckerberg di Facebook, che risulta 14esimo;  Brian Chesky di AirBnb al 16esimo posto; Larry Page di Google, 17esimo; Meg Whitman di HP, diciannovesima.

Il dominus di Netflix, Reed Hastings, è 22esimo, seguito da Marissa Meyer di Yahoo. Il competitor di Uber, Lyft, vede il suo Ceo Logan Green al 28esimo posto. Penultima, cioè 37esima in classifica, è un’altra delle rare donne Ceo, Brit Morin di Brit+Co, sito di lifestyle che dal 2011 ha raccolto 27,6 milioni di dollari. Ultimo della lista Kavan Seggie di AddLive, società acquisita da Snapchat alla quale offre una varietà di applicazioni.

Articoli correlati