H-CAMP, al via la call per startup europee | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Opportunità

H-CAMP, al via la call per startup europee

25 Giu 2015

C’è tempo fino al 31 luglio per partecipare al programma di H-Farm. Da quest’anno l’incubatore ha deciso di guardare con più attenzione anche al panorama europeo per attrarre startup con idee innovative in questi settori: Food and Wine, Fashion and Design, Travel and Tourism, Offline and Online Retail, Internet of Things

C’è tempo fino al 31 luglio per partecipare alla call di H-CAMP, il programma di accelerazione internazionale “all inclusive” dedicato a giovani talenti e startupper determinati a sviluppare la propria idea.

Il programma H-CAMP, nato in H-FARM e giunto ormai alla sesta edizione, mette a disposizione di ognuno dei 5 team selezionati un totale di 85mila euro comprendenti servizi di tutoring e mentoring per aiutare i giovani a sviluppare i loro progetti e per agevolarli nelle relazioni con i network consolidati. In particolare H-FARM, in quanto membro del Global Accelerator Network, può mettere i team in contatto con i più importanti acceleratori di oltre 60 città nel mondo. Parte dell’investimento comprende anche agevolazioni con partner tecnologici di primo livello come PayPal, Amazon Web Services, Google, Indiegoggo, WeChat, Softlayer, Instal, Paymill, Aruba Cloud.

H-CAMP, inoltre, è l’unico a includere le spese di vitto e alloggio nel pacchetto per permettere ai ragazzi di trascorrere 4 mesi dedicandosi totalmente alla propria idea, senza distrazioni né preoccupazioni. Il vantaggio di poter vivere l’intero periodo immersi nel mondo di H-FARM dà la possibilità di sfruttare anche l’ecosistema che gravita attorno all’incubatore, vale a dire un network di startup costantemente a disposizione da cui attingere consigli, un gran numero di eventi corporate ospitati ogni mese per avvicinare aziende leader, ospiti internazionali che quotidianamente entrano in contatto con le realtà.  A tutto questo va aggiunto un primo investimento che arriva fino a 15mila euro di liquidità.

Da quest’anno H-FARM ha deciso di guardare con più attenzione anche al panorama europeo per attrarre startup con idee innovative che possano fare la differenza nei settori selezionati: Food and Wine, Fashion and Design, Travel and Tourism, Offline and Online Retail, e nel mondo dell’Internet of Things, con un occhio di riguardo per le startup orientate al mercato B2B.

Al termine dei 4 mesi, H-FARM e il proprio network di investitori e business angel valuteranno la possibilità di procedere con un ulteriore investimento nel progetto.

Un esempio di team uscito dall’ultima edizione dell’H-CAMP è rappresentato dai ragazzi di Antlos. Grazie al network di H-FARM abbiamo potuto usufruire di importanti agevolazioni per lo sviluppo tecnico della piattaforma – dice Michelangelo Ravagnan, uno dei fondatori. –  Le partnership nate con aziende leader durante l’H-CAMP sono tuttora operative. Alla fine del Camp, abbiamo ottenuto un ulteriore round di investimento che ha permesso il lancio del servizio sul mercato”. 

Un’altra startup che ha avuto successo sia in Italia che all’estero è Sellf, nata nel corso della prima edizione dell’H-CAMP con lo scopo di creare un servizio di personal CRM per aiutare a raggiungere gli obiettivi di vendita e che tutt’ora fa base in H-FARM. L’applicazione per iPad sta scalando la classifica CRM dell’App Store in Paesi come USA, Canada, UK e Australia, oltre ad essere prima in Italia – dice Filippo Zanella, fondatore. – Più di 100mila utenti in tutto il mondo hanno già scelto l’applicazione Sellf”.

Per partecipare clicca qui

 

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati