Grafene Made in Italy: 18 milioni alla startup BeDimensional dal gruppo Pellan | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STARTUPBUSINESS

Grafene Made in Italy: 18 milioni alla startup BeDimensional dal gruppo Pellan



La società pavese che produce pelli sintetiche e da anni ha bilanci in perdita ha deciso di investire su BeDimensional, spin-off dell’Istituto di Tecnologia di Genova acquisito quest’anno da Camponovo. Il manager di Pellan, Nadir Gallese: “Ci interessa il materiale per i nostri prodotti e per molti altri usi”

29 Nov 2018


Il grafene Made in Italy si aggiudica un mega-finanziamento. BeDimensional, lo spin-off genovese nato in seno all’IIT, l’Istituto italiano di tecnologia, che punta a essere tra i primi al mondo a produrre grafene puro, ha ottenuto a inizio novembre 18 milioni di euro dal Gruppo Pellan, società del pavese che produce pelli sintetiche. Si tratta del quarto deal dell’anno per dimensione dell’investimento.

Il grafene è un materiale a base di carbonio che ha moltissime applicazioni e che potrebbe cambiare molti settori industriali. Dalle batterie al computer quantistico il grafene può essere utilizzato per realizzare nuovi prodotti e nuove tecnologie grazie alle sue innumerevoli proprietà .

Va inoltre sottolineato che la nuova fabbrica di grafene di BeDimensional sorgerà nella zona del Valpolcevera, nota ormai a tutti per i fatti dello scorso agosto con il crollo del ponte Morandi. Un segnale della volontà di continuare a investire su risorse, competenze e territori del nostro Paese che in questo momento sono in sofferenza.

Il 51% di Bedimensional è stato acquisito ad aprile scorso per 2 milioni di euro da Camponovo, gruppo con sede a Genova attivo nei campi della distribuzione editoriale e immobiliare. Due settori di business che non hanno a che fare nulla l’uno con l’altro, eppure uniti da una storia all’insegna dell’innovazione. Ora Massimo Camponovo è l’amministratore delegato della neonata azienda gemmata da un laboratorio dell’Istituto italiano di tecnologia.

Massimo Camponovo, Ceo di BeDimensional

A dare l’accelerazione alla crescita di BeDimensional è stato Pellan. Perché il Gruppo Pellan di Achille Costamagna, 88enne imprenditore della gomma e del tessile di Vigevano, ha deciso di puntare su BeDimensional 18 milioni? Il Gruppo Pellan controlla Fiscatech, società per azioni con 150 dipendenti e una ventina di milioni di fatturato annui, che produce pelli sintetiche per copertine di libri, agende, quaderni e da anni chiude il bilancio in perdita a causa della concorrenza straniera a basso costo. Per i Costamagna l’investimento nel grafene, materiale ultrasottile, ultraleggero, resistentissimo, flessibile e conduttivo, è un atto di fiducia nel futuro. «Eravamo interessati al grafene per i nostri prodotti», dice Nadir Gallese, manager del gruppo pavese. “Poi abbiamo conosciuto le tecniche produttive di BeDimensional e abbiamo capito che le possibilità d’impiego erano molte altre”.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SU STARTUPBUSINESS CLICCA QUI