Google glass, arrivano gli occhiali cinesi low cost | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Wearable

Google glass, arrivano gli occhiali cinesi low cost

29 Mag 2015

Sono stati “avvistati” al Ces Asia, fiera dell’elettronica. Sono in grado di scattare foto e girare video, costano tra i 330 e i 500 euro e dovrebbero essere disponibili sul mercato consumer dal prossimo agosto

Arrivano i Google Glass cinesi e costano molto meno degli originali americani. Al Ces Asia, grande fiera dell’elettronica asiatica, è apparso un nuovo prodotto, Cool Glass One, presentato dall’azienda cinese Beijing Palo Alto Tech, che sembra in tutto e per tutto simile agli occhiali hi-tech sui quali sono al lavoro da tempo gli esperti di BigG.

Mentre il colosso statunitense è alle prese con il rilancio di questo wearable, inizialmente accolto con grande entusiasmo e poi sommerso dalle critiche, al punto che l’azienda ha deciso di rivedere la propria strategia di prodotto, arrivano i cinesi e sfidano gli Usa sul loro stesso terreno. Cool Glass One ha un touchpad a lato, che consente agli utenti di controllare il dispositivo, e possiede anche una telecamera in grado di scattare foto e girare video. Il device può essere attualmente connesso solo a cellulari che usano il sistema Android. La particolarità sta (anche) nel prezzo di vendita al dettaglio, previsto tra i 330 e 500 dollari. Il prodotto dovrebbe essere acquistabile a partire da agosto.

Vedremo come reagirà  Google, che a gennaio scorso ha deciso di sospendere la vendita dei suoi occhiali hi-tech e trasferire il progetto dal laboratorio di ricerca Google X, che ci lavorava da prima del debutto ufficiale nel 2012,  a un’unità a parte sotto la guida di Tony Fadell, uno dei padri dell’iPod di Apple.La manovra è stata letta dagli osservatori come risposta alle difficoltà incontrate dal device, poco apprezzato per il design, criticato da più parti come minaccia alla privacy e abbandonato da molti dei primi entusiasti che lo avevano adottato.Da subito però BigG ha fatto capire che non voleva abbandonare il progetto tout court, ma solo spingere su una seconda versione dei Google Glass. Sarà una versione consumer pensata per utenti comuni, eventualmente migliorata rispetto alla versione attuale, o un potenziamento della strada B2B che BigG ha già intrapreso con discreto successo?

I Google Glass erano stati messi a disposizione degli sviluppatori nel 2013 col programma Explorer al costo di 1500 dollari. Poi sono stati venduti al grande pubblico negli Usa, per un numero limitato di pezzi, e in seguito in Uk. Ma a gennaio sono state appunto sospese le vendite. L’ambito in cui si sono dimostrati validi e richiesti è soprattutto quello enterprise: difesa, sanità e altri comparti. Hanno fatto notizia le operazioni chirurgiche eseguite con i Google Glass, molto meno le persone comuni che si sono ritrovate a indossarli. 

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

  • Lightson

    Ed ecco che stiamo già a metà agosto e non si è sentito più parlare di questi Cool Glass One. Penso che affittarsi uno stand in queste fiere non costi una somma indiferente, allora perché lo fanno per un prodotto che non vedrà mai la luce? Forse c’è qualche contributo a fondo perduto che finanzia l’innovazione fittizia.

Articoli correlati