Global Startup Ecosystem Ranking: Italia assente, 5 europee nella top 20 | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Il report

Global Startup Ecosystem Ranking: Italia assente, 5 europee nella top 20

30 Lug 2015

La classifica dei migliori ecosistemi non include Milano e Roma, definite realtà emergenti (“runner-ups”) in Europa, e premia Londra, Berlino, Parigi, Mosca e Amsterdam. Nelle 20 città più importanti, valori delle exit in crescita (+78%) e aumento degli investimenti dei VC (+95%)

Italia: non pervenuta. Nel report “The Global Startup Ecosystem Ranking 2015” stilato da Compass, un’agenzia americana che si occupa di fare analisi sulle startup del mondo, non c’è traccia di nessun elemento legato all’ecosistema italiano. Il documento è una graduatoria dei 20 ecosistemi migliori del pianeta in cui fare impresa innovativa.

Per Milano, che è senza dubbio la città di riferimento per le startup in Italia, e Roma, solo una menzione. Sono nel gruppo delle “Runner-ups” in Europa, ovvero delle città emergenti, in compagnia di molte altre capitali dell’innovazione: Barcellona, Bruxelles, Copenhagen, Dublino, Helsinki, Istanbul, Madrid, Oslo, Stoccolma, Tallinn e Varsavia. Poca cosa in confronto alle sei città europee che invece rientrano nelle top 20: Londra (6° posto), Berlino (9°), Parigi (11°), Mosca (13°) e Amsterdam (19°).

In cima alla classifica, realizzata attraverso questionari sottoposti a 11 mila startup, interviste con oltre 200 imprenditori da 25 Paesi del mondo e informazioni raccolte da fonte autorevoli (Deloitte, CrunchBase…), c’è naturalmente la Silicon Valley, seguita da altre due città americane: New York e Los Angeles.

Dalla quarta alla ventesima posizione si piazzano nell’ordine: Boston, Tel Aviv, Londra, Chicago, Seattle, Berlino, Singapore, Parigi, San Paolo, Mosca, Austin, Bangalore, Sydney, Toronto, Vancouver, Amsterdam e Montreal

Sette posizioni per gli Stati Uniti, tre per il Canada e una a testa per Israele, Regno Unito, Germania, Francia, Singapore, Brasile, Russia, India, Australia e Olanda. Ci sono quasi tutte le grandi potenze del mondo. L’unica magra consolazione, a prima vita è che nella lista delle magnifiche venti non ci sono metropoli cinesi, giapponesi o coreane. Ma poi, andando avanti nella lettura, si scopre che Seul, Taiwan, Pechino, Shenzen, Shanghai e Tokyo non sono state proprio analizzate.

Dal report emergono anche altri dati interessanti. Per esempio, i valori delle exit nelle 20 città considerate sono in crescita: +78% all’anno tra il 2012 e il 2014. E il maggior tasso di crescita annua media si registra proprio in Europa (in cui viene incluso anche Israele): +314%.

Un altro dato rilevante è la globalizzazione degli investimenti. Stando al report, il 37% dei round di investimento nei 20 maggiori ecosistemi nel 2013 e nel 2014 avevano almeno un investitore proveniente da un’altra area.

Terza informazione a cui guardare con attenzione: nei 20 ecosistemi più importanti, i venture capitalist hanno aumentato considerevolmente il volume di investimenti (+95% tra 2013 e 2014) e la città in cui si è assistito al maggior incremento è proprio un’europea, Berlino, che nel 2014 ha ricevuto nello stesso periodo un ingresso di capitali di rischio 12 volte superiore a quelli ricevuti nell’anno precedente.

CLICCA QUI PER CONSULTARE IL REPORT IN VERSIONE INTEGRALE

  • Gianmarco Carnovale

    Le opinioni personali non andrebbero rappresentate come fatti.
    Questo report tratta di Startup come definite internazionalmente, non di start-up innovative ex definizione e registro italiano.
    Dati sulla dislocazione delle *Startup* in Italia non ci sono.
    Sarei quindi curioso di sapere qual sia la fonte che possa far affermare fuor di dubbio che sia Milano il riferimento delle Startuo in Italia anziché Roma.

Articoli correlati