«Era un uomo buono, si faceva carico delle difficoltà altrui» | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

#CiaoEnrico

«Era un uomo buono, si faceva carico delle difficoltà altrui»

di Claudio Giua

06 Nov 2015

Claudio Giua, direttore sviluppo e innovazione del Gruppo Espresso, descrive la capacità del fondatore di Digital Magics di trovare il lato positivo in ogni vicenda

Claudio Giua
Un aggettivo mi viene in mente quando penso a Enrico Gasperini (mica oggi che se n’è andato, ma da quando lo conosco): buono. Enrico era un uomo buono, che si faceva carico delle difficoltà degli altri e provava a trovare le soluzioni. L’ho visto dare un lavoro a colleghi lasciati a piedi dalla crisi, trasformare in fedeli collaboratori persone che l’avevano criticato e contrastato, scoprire i lati positivi in vicende che sembravano create apposta per rendergli la vita più difficile. Certo, era anche un innovatore vero, un visionario innamorato, un imprenditore geniale. Ma io gli volevo bene perché era buono. Ho il rimpianto di non avere lavorato al suo fianco, come lui avrebbe voluto.

*Claudio Giua, direttore sviluppo e innovazione del Gruppo Espresso

Claudio Giua

Articoli correlati