Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

VENTURE CAPITAL

Business angel, una su quattro è donna mentre gli investimenti crescono

27 Giu 2017

Nel 2016, evidenzia un report di Iban  (Italian Business Angels Network) , sono sono stati investiti 24,4 milioni di euro suddivisi in 52 società, rispetto ai 20,9 del 2015. Le donne sono il 23% del totale. Settori beneficiari: ICT, sanità, apparecchiature medicali e fintech. Ancora pochi i disinvestimenti

Il mondo dei business angel in Italia sta diventando più attivo e sta dando maggiore spazio alle donne. Nel 2016 gli investimenti angel sono risultati in crescita per un totale di 24,4 milioni di euro suddivisi in 52 società emittenti, rispetto ai 20,9 del 2015. In forte crescita la componente femminile rispetto agli anni precedenti: le donne business angel rappresentano il 23% sul totale del campione. I settori che hanno beneficiato maggiormente dei finanziamenti sono ICT (App web, Mobile, Software), Sanità e apparecchiature medicali seguiti da Fintech e Media Entertainent. Censiti 52 investimenti, per un ammontare medio è di €479.000. Il 78% dei finanziamenti è stato finalizzato all’acquisto di equity, mentre il 22% al finanziamento soci: secondo un trend sempre più diffuso, gli investitori tendono ad unirsi in cordate per aumentare l’apporto finanziario e ridurre il rischio (71%). È quanto emerge dalla Survey IBAN 2016, la consueta analisi sul mercato italiano dell’angel investing condotta dal professor Vincenzo Capizzi dell’SDA Bocconi e presentata oggi alla XVIII Convention di IBAN (Italian Business Angels Network) presso la sala convegni di PwC a Milano.

 

 

♦ Campione censito e metodologia – Il campione 2016 è composto da 144 business angel, per un totale di 52 operazioni, per un ammontare medio di ammontare medio è di €479.000, realizzate in gran parte da BAN e da Club di Angel, a riprova della crescita costante di investimenti fatti da cordate di angel. Rispetto agli anni passati, quest’anno sono stati presi in considerazione solamente gli investimenti realizzati da business angel scorporandoli dalla componente venture capital quando sono state riscontrate operazioni in syndacation. La raccolta dati viene effettuata tramite questionario online su piattaforma SurveyMonkey, che è stato inoltrato ad un numero statisticamente significativo di operatori, e nello specifico a soci individuali associati ad IBAN, soci appartenenti a Club e BAN associati ad IBAN, terze parti (persone fisiche, Club di Investitori, Enti ed Istituzioni, incubatori ed acceleratori d’impresa, Family Office, etc.) notoriamente attive nell’ecosistema delle startup, imprenditori che hanno veicolato il loro progetto nell’Area Riservata del sito di IBAN nel corso del 2016, e le startup iscritte al registro delle imprese innovative (oltre 7000 startup).

♦ FINANZIAMENTI AL NORD E IN FASE DI STARTUP – Il mercato italiano dell’informal venture capital ha fatto registrare operazioni per un totale di 24.414.000 euro. La maggioranza degli investimenti ha finanziato imprese con sede nel Nord Italia, in uno stadio di sviluppo già abbastanza avanzato, ovvero fase di startup nel 56% dei casi. Nel 32% dei casi, invece, le imprese finanziate sono nello stadio di Seed; nel 12% nello stadio di Expansion. Oltre all’investimento in equity il business angel di riferimento (il champion) apporta soprattutto competenze strategiche e contatti per lo sviluppo dell’attività sociale. Il suo stato di coinvolgimento nelle imprese finanziate nel 70% dei casi è medio o alto.

♦ IL PROFILO – Il profilo e le caratteristiche del business angel tipico non sono cambiate negli ultimi anni: tra i 30 e i 50 anni, uomo, vive nel Nord Italia ed è affiliato ad IBAN, ad uno dei suoi BAN territoriali, oppure a un Investor Club. La novità molto positiva di quest’anno risiede proprio nel fatto che è emerso che nel 2016 un’operazione su quattro (23%) è stata realizzata da un business angel donna. Generalmente ha un passato come manager, è laureato e circa il 62% dei Business Angel attualmente si identifica come imprenditore. Ha un patrimonio mobiliare inferiore ai 2.000.000 di euro e investe meno del 10% del proprio patrimonio in operazioni di angel investment. Mediamente il patrimonio afferente alle startup è composto in partenza da massimo 2 aziende investite.

♦ LE RAGIONI DELLE SCELTE –  I fattori principali considerati al momento della valutazione del progetto imprenditoriale sono la potenziale crescita del mercato (63%), seguita dal management team (37%) e dalle caratteristiche del prodotto e/o servizio (26%). Il settore che ha beneficiato maggiormente dei finanziamenti dei Business Angels italiani è stato l’ICT (App web, Mobile, Software), seguito dalla Sanità e apparecchiature medicali. Seguono Fintech e Media Entertainent.

♦ Disinvestimenti – Nota dolente da sempre, solo il 4% del campione ha dichiarato di aver effettuato almeno un disinvestimento nel 2016. In media, si verificano 4 anni dopo l’investimento.

♦ MERCATO MATURO – “Il mercato angel in Italia ha ormai raggiunto un livello di maturità, probabilmente anche a causa delle poche exit, assestatosi su volumi che viaggiano intorno ai 20 / 25 milioni di euro. I business angel, sempre più, si uniscono in syndacation e fanno da traino per investimenti venture ben più consistenti”, ha dichiarato Paolo Anselmo, Presidente di IBAN. “Dalla ricerca emerge anche un segnale molto positivo, ovvero la presenza sempre più consistente di donne tra i business angel. A questo proposito, per individuare le azioni necessarie per coinvolgere un sempre maggior numero di donne l’Associazione IBAN, insieme ad altri sette partner attivi in Europa, sta gestendo un importante progetto WA4E – Women Angels for Europe’s Entrepreneurs – coordinato da Business Angel Europe e sostenuto e finanziato dall’Unione Europea, di cui presenteremo i risultati nei prossimi mesi”.

 

  • 4k Share