Bertolino business angel piemontese dell'anno: "Connetto Pmi e startup" | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Bertolino business angel piemontese dell’anno: “Connetto Pmi e startup”

10 Lug 2014

L’amministratore di Astelav, società che distribuisce componentistica, si aggiudica il premio Business Angel of the Year Piemonte, organizzato dal Club degli investitori. Il riconoscimento è per l’investimento in IndaBox, piattaforma per ritirare nei bar gli acquisti online

da sinistra: Giovanni Riviera, Riccardo Bertolino, Licia Mattioli e Giancarlo Rocchietti
Il premio Business Angel of the Year Piemonte 2014 è andato a Riccardo Bertolino per l’investimento in Indabox, startup che ha sviluppato una piattaforma per ritirare i propri acquisti online in una rete selezionata di bar a livello nazionale.

Il vincitore del riconoscimento, organizzato dal Club degli investitori (un gruppo di 80 tra imprenditori, professionisti e manager piemontesi che investono in nuove imprese con contenuto innovativo ed elevato potenziale di crescita), è amministratore di Astelav, azienda di Vinovo (Torino) attiva nella distribuzione di componenti per elettrodomestici in Italia e all’estero. 

Insomma, un imprenditore manager che punta in prima persona, per sé e per la sua azienda, su una nuova impresa innovativa. “Ho deciso  di investire in Indabox – spiega Bertolino a EconomyUp – perché fin da subito mi è sembrata un’idea semplice che risponde a una concreta esigenza del consumatore online, il classico ‘uovo di Colombo’. Ciò che mi ha spinto a seguire il progetto non solo sul piano finanziario ma anche da un punto di vista operativo, è la sinergia con l’attività di distribuzione dei ricambi per elettrodomestici della Astelav, azienda di famiglia che mi occupa a tempo pieno”. 

L’impresa guidata dal business angel piemontese opera da più di 50 anni. In Italia vende a circa 1500 negozi, centri di assistenza tecnica distribuiti su tutto il territorio. All’estero invece è attiva in più di 50 Paesi. Dall’inizio del 2014 ha lanciato una piattaforma di vendita di ricambi online.

“La crisi economica sta spingendo molti utenti a volersi riparare gli elettrodomestici in modo autonomo e a dover quindi ricercare i ricambi e ad avere un consulente online che li consigli. Ecco perché credo che la possibilità di ricevere il ricambio al bar sotto casa sarà un servizio aggiuntivo di sicuro successo”, dice Bertolino.  

La collaborazione tra le due aziende non si ferma è considerata “strategica” per entrambe. “Per Astelav contribuirà a una maggior diffusione delle vendite online, per Indabox sarà uno strumento per accedere ai servizi e ai contatti di Astelav: non a caso ho messo a disposizione della startup i miei consulenti di web marketing per cercare di sviluppare al meglio la visibilità del servizio e la rete degli operatori logistici che stanno attualmente operando per Astelav”. 

A orientare la giuria verso Bertolino è stato anche il rapporto tra l’imprenditore e Giovanni Riviera, il giovane startupper di IndaBox, che non si è limitato all’aspetto finanziario ma è diventato una collaborazione/tutorship sul piano imprenditoriale. “Ritengo che il valore aggiunto dell’angel non sia solo il capitale finanziario investito, ma anche la condivisione delle linee strategiche da seguire, il piano di sviluppo e le correzioni da apportare in corso d’opera, sfruttando le reciproche competenze, in una crescita insieme passo dopo passo”, commenta il business angel.

Inserito a partire dalla scorsa edizione nell’ambito del premio organizzato da Iban (associazione italiana dei business angel), il premio Business Angel of the Year Piemonte nasce per dare visibilità alla migliore azione di angel investing avvenuta sul territorio locale, evidenziando che gli investimenti su una startup non sono più solo appannaggio dei grandi fondi di venture capital, ma attirano sempre più singoli finanziatori che credono in nuovi progetti.

A conferire il premio a Riccardo Bertolino è stata una giuria presieduta da Licia Mattioli, presidente Unione industriale di Torino, e composta da Paolo Anselmo (presidente Iban), Piero Bergamini (business angel e manager, socio del Club degli investitori), Bernardo Bertoldi (vicepresidente del Club degli investitori e docente presso l’Università degli studi di Torino), Luca Fornovo (giornalista de La Stampa) e Vladimiro Rambaldi (amministratore delegato di Cordusio Fiduciaria – gruppo Unicredit), che ha scelto il vincitore tra i finalisti selezionati in collaborazione con Euroventures. (m.d.l.)  

Maurizio Di Lucchio

Articoli correlati